26 Luglio, 2020

3. Meister Eckhart and the Knowledge of the Absolute

3. Meister Eckhart and the Knowledge of the Absolute

Analogies with advaitavāda

By discriminating between the Self and the non-Self, he who seeks the Truth discovers under all manifestations the Absolute Subject, the Witness. However, making correct discrimination does not mean separating what is Self from what is not; there is nothing besides the Self-Ātman. Rather, it means rejecting – as they are not real – all the multiple forms covering the One without-second Reality. Knowing the Absolute, the Reality, does not involve adding a new object of knowledge to one’s own erudition. Rather, it means ceasing to identify with what is different from it: thus, as Eckhart also said, it means “to be” the Absolute; an experience that transforms, removing the veils that cover reality and revealing the absolute identity with it. The two masters affirm it with one voice.

Therefore, being satisfied with the realisation of the absolute Bliss, live happily in the identity with the true Brahman, the One without a second.

Eckhart echoed it on different occasions:

This knowledge is out of time and space, without a here and a now. In this life all things are one, all common, all in all and all united.

[…] So I say that in this sense there is no similarity or difference; rather, we are the same being, without any difference, the same substance or nature that he is.

However, “Similar to Him” implies a certain distinction and distance, whereas between God and man there is neither distinction nor distance. Therefore, man is not “similar” to God, but absolutely one and the same.

Consequently, knowing the Absolute means eliminating any distinction between “I” and “He”, in a transcendental and impersonal dimension:

[…] God must necessarily become me, and I God, so completely one that this “He” and this “I” become and are an “is” […].

Eckhart affirms that this dimension, although inaccessible to objectifying thought, is still a form knowing; which, we repeat, is at the same time the being and knowing of God.

God makes us know Himself; knowing, he makes us know Himself, and his being is his knowing. That He makes me know or that I know, is the same thing. This is why His knowledge is mine, one and the same […] And, since His knowledge is mine and it constitutes His substance, His nature and His being, it follows that His being, His substance and nature are mine.

Indeed, it is not enough to be united with God, because being and knowing are not yet One.

If the eternal light envelops us, You and I we are one, and this two-one is an ardent spirit, which sits above all things but below God, in the circle of eternity. It is two because it does not see God without mediation. Its knowing and being, or its knowing and its representation of knowing, never become one.

Eckhart describes “the circle of eternity” as an impermanent state, in which man is elevated to the presence of the Absolute, beyond his understanding and by grace of a divine gift, in a fashion similar to that in which Arjuna received the divine eye to contemplate Īśvara in his cosmic form, otherwise inconceivable. Such awareness of being One with the Absolute is not yet fully achieved and Godhood is still seen through the filter of duality, not in its “nudity”.

The road to God is one that takes man further from his usual boundaries. A road that is no longer a distance to travel, but a dwelling in the bosom of the Absolute, in perfect and indistinguishable unity with it, in a silent awareness that expresses itself in wonder and bliss:

[…] it is called road, but it is actually a dwelling, or contemplating God without mediation, in His own being. […] being led on this path in God with the light of his Word, surrounded by the love of the Spirit that comes from both, all this surpasses what can be expressed in words.

Look how wonderful! How wonderful it is: being outside as well as inside, embracing and being embraced, contemplating and being the same thing contemplated, holding and being kept: this is the aim in which the spirit dwells in peace, united with dear eternity.

Is evident here the difficulty of understanding this state for those who do not “become equal to this truth”. As a result, numerous misunderstandings have always accompanied the thought of the Dominican preacher. Being One with the Absolute has nothing to do with the lack of humility on the part of he who compares himself to God. Both God and Man are no longer perceived in the same way that a gaze captive of duality sees them.  The Man free from the identification with his body-mind and its egoic-subjective component, through which is commonly derived the distinction from other objects, is no longer the same “man” that this term usually refers to. As Eckhart would say: “in unity there is neither Conrad nor Henry”. God, on the other hand, is no longer an entity that resides in the heavens, more or less merciful. What remains of both is the silent and unfathomable bottom of the Godhood, which unites man and God and on which no creature can lay its gaze without getting lost in this same bottom.

For this reason, the One can only be experienced, transcending every possible explanation and conjecture. The message of the two masters in question is clear: all distinctions and oppositions belong to imperfection and, therefore, must be overcome in a further unity.

[…] this number (without number) is in the time of the imperfection. […] This spirit must go beyond every number and leave behind every multiplicity […].

Only then, in the One, is it possible to comprehend the Wisdom that derives from its listening:

He who understands the eternal Wisdom of the Father, must be in the inner self, with himself, must be one; […] Three things prevent us from hearing the eternal word. The first is corporeality, the second multiplicity, the third temporality. If man had overcome these three things, he would live in eternity, he would live in the Spirit, he would live in unity […].

Reaching the One is described as breaking into freedom, above all will, beyond the usual knowing: a rediscovering of what we have always been, even though we were unaware of it.

But in my breaking in, in which I am free of my will and of that of God, of all his works and of God himself, I am above all creatures and I am neither God nor creature; rather, I am what I was, what I am, and what I will be in eternity. […] in breaking in I get to be one with God. Then I am what I was […].

The Upaniṣad convey the same concept in a similar way. Once the inference of the One is drawn, nothing has the same meaning anymore, nothing is the same anymore.

Therefore, a father is no father, a mother is not mother, the worlds are no worlds, the Gods are no Gods, the Vedas are no Vedas. Therefore, a thief is no thief, the killer of a brāhmaṇa is no killer, an untouchable is no untouchable, a tribal is no tribal, a monk is no monk, an ascetic is no ascetic.

Only where there is identification with a body is it possible to speak of the agent, the action and the fruits of it. We repeat the important upaniṣadic quote in harmony also with the present context:

Because when there is duality, as it were, then one sees something, one smells something, one tastes something, one speaks something, one hears something, one thinks something, one touches something, one knows something. But when to the knower of Brahman everything has become the Self, then what should one see and through what, what should one smell and through what, what should one taste and through what, what should one speak and through what, what should one hear and through what, what should one think and through what, what should one touch and through what, what should one know and through what?

Again, to indicate the end of knowledge that separates subject and object, but not true Knowledge:

That it does know in that state is because, though knowing then, it does not know; for the knower’s function of knowing can never be lost, because it is imperishable. But there is not that second thing separate from it which it can know.

All means of knowledge and the very path that leads to the One are instantly burned the moment this liberating understanding is reached: “the Vedas are no longer the Vedas” says the aforementioned passage from the Bṛhadāraṇyaka Upaniṣad. Both the Scriptures and the ritual and behavioural prescriptions are intended only for those who have not yet reached such Knowledge, with the aim of bringing them closer to the correct understanding of Reality. The wise, recognizing themselves as not different from the One, know that limitation (bandha) and liberation (mokṣa) do not belong to the Self but are always the result of a wrong understanding, of a superimposition. Therefore, they no longer need any path or guide, having recognized their illusory appearance. For this

[…] we do admit the uselessness of the Śruti when Knowledge is realized […].

Eckhart expresses the same concept with an eloquent metaphor:

If I want to cross the sea and I want a boat just to sail, when I made the crossing, I no longer need the boat.

It is not conceivable for the advaitins to follow a path to reach the supreme Brahman, the One-without-second, as it cannot be associated with a place. Rather, it is all-pervading and the very Self of everything, even of those who apparently proceed along a path. It is truly impossible to reach what is always present! Therefore, Brahman is not the achievement that derives from the completion of a path of perfection. On the contrary, it can only be realized as a liberating awareness, which takes place in an eternal ere” and “now” are That”.

Only with respect to the Brahman saguṇa is it in fact “logically” possible to speak of a gradual path. Where tradition speaks of correspondence between macrocosm and microcosm, between divine and human plan, between universal and individual being, it always refers to the Brahman saguṇa, which is defined as One-with-second precisely because of its relationship with the universe. But the unity with the qualified Being, the indefinite synthesis and epitome of the entire possibilities of the finite, despite being the highest point one can reach at the level of multiplicity, still remains at the qualification level, the playground of māyā. The One-without-second, on the other hand, transcends every possible qualification, including the universal unity. It is, therefore, free from any relationship with anything else. It is the non-dual Reality, achievable only in the attainment of the Knowing-Being, where the distinction between the knower, the known and the knowledge is overcome, that is in the Consciousness devoid of second. It is evident here the affinity of this view with the distinction made by Eckhart between what he calls “being united to God” and being the One in the immutable background that transcends everything.

From this point of view, it no longer makes any sense to wonder whether the he who is free is united with God or is One with him. Only the One really exists.

I am indeed Brahman, the One without a second, matchless, the Reality that has no beginning, beyond such imagination as ‘thou’ or ‘I’, or ‘this’ or ‘That’, the Essence of Eternal Bliss, the Truth.

For this reason, every vision that separates man and God, however devout it may seem, is always the result of ignorance:

While he who worships another God thinking: “He is one, and I am another”, does not know, he is like an animal to the Gods.

As a demonstration of how Eckhart is in harmony with the Advaita on this point, we find in his sermons similar expressions, in which, in a perhaps more compassionate but no less decisive way, he calls “simple people” (but also “asses”) those who continue to think of God as something other than themselves:

Many simple people imagine that they have to consider God up there, and themselves down here. It is not so. God and I are one.

By removing of the veil of individuality man discovers the absolute fullness that he really is. This does not happen in an ecstatic vision of God seen as other, who embraces him and with whom he reunites. The One that man discovers does not represent a unity but, rather, a oneness that transcends every form of multiplicity and synthesis.

[…] here is the fullness of the entire Godhood; here is oneness. As long as the soul recognises a distinction, it is not how it should be; as long as something looks inside or outside there is still no true unity.

The infinite is that where one does not see anything else, does not hear anything else, and does not understand anything else. Hence, the finite is that where one sees something else, hears something else and understands something else.

In both the Advaita and Eckhartian views, the achievement of this state is the ultimate goal of human being: the only condition that can set him free him from suffering, always tied to what is finite, to what is determined, and that can eventually make him whole by recovering his real nature. Although this dimension is surrounded by an impenetrable silence, it is not foreign to knowing. Indeed, only this is true Knowledge; and not the distinctive one we are used to. The communication of this Wisdom is the transparency of Silence.

Pointing out the differences in the ways the Dominican and the Indian masters express this last step – the dwelling in the deserted and silent background of the Godhood and in the identity with Brahman without attributes – defeats the purpose of the conveyed message. Here there is no room for interpretation. One can only be this Truth. Only by being Reality can one truly communicate it and let it speak for itself. The dimension of the usual knowing and distinguishing does not concern this state; nothing is worth inquiring and breaking down. He who knows the Absolute become the Absolute itself and can only let it emanate. It is then up to every human being in silence to recognize, in silence, what he truly is.

One with the One, one from the One, one in the One and, in the One, eternally One.

Oṃ. That (Tad) is full, and this (idam) is full. The full proceeds from the full. Taking the full of the full it remains as full alone.

3. Meister Eckhart e la conoscenza dell’Assoluto

3. Meister Eckhart e la conoscenza dell’Assoluto

Corrispondenze con l’advaitavāda

Discriminando tra Sé e non-Sé, colui che ricerca la Verità scopre sotto tutte le manifestazioni il Soggetto Assoluto, il Testimone. Ma operare una corretta discriminazione non vuol dire dividere ciò che è Sé da ciò che non lo è: non c’è niente oltre al Sé-Ātman. Significa invece rigettare, come non reali, tutte le molteplici forme da cui la Realtà Una senza-secondo viene coperta. Conoscere l’Assoluto, la Realtà, non comporta aggiungere un nuovo oggetto di sapere al proprio bagaglio, ma vuol dire smettere di identificarsi con ciò che è diverso da esso: così, come per Eckhart, significa “essere” l’Assoluto.Un’esperienza che trasforma, rimuovendo i veli che nascondono la Realtà e rivelando la completa identità con questa. I due maestri lo affermano concordi.

Poiché hai realizzato la Beatitudine assoluta e ne sei colmo, dimora felice nell’Identità con il reale Brahman, l’Uno-senza-secondo.

Lo ripete più volte Eckhart:

Questa conoscenza è fuori dal tempo e dallo spazio, senza un qui e ora. In questa vita tutte le cose sono una cosa sola, tutte comuni, tutto in tutto e tutto unito.

[…] Perciò io dico che in questo senso non vi è alcuna somiglianza o differenza, ma noi saremo invece il medesimo essere, senza alcuna differenza, la medesima sostanza o natura che egli è.

“Simile a Lui” però rimanda a una estraneità e lontananza, mentre tra Dio e l’uomo non c’è estraneità o lontananza: perciò l’uomo non è “simile” a Dio, ma assolutamente uguale in quanto assolutamente “è”.

Conoscere l’Assoluto significa quindi eliminare ogni distinzione tra “io” e “Lui”, in una dimensione ulteriore ed impersonale:

[…] Dio deve assolutamente diventare me, e io assolutamente Dio, così completamente uno che questo “lui” e questo “io” divengano e siano un “è” […].

Questa dimensione, pur inaccessibile al pensiero oggettivante, è, ripete Eckhart, ancora un conoscere: un conoscere che, ribadiamo, è insieme un essere e che è lo stesso conoscere di Dio.

Dio ci fa conoscere sé stesso; conoscendo, ci fa conoscere sé stesso, e il suo essere è il suo conoscere. Che egli mi faccia conoscere e che io conosca, è la medesima cosa. Ecco perché la sua conoscenza è la mia, una e medesima […] E, dato che la sua conoscenza è la mia, ed essa costituisce la sua sostanza, la sua natura ed il suo essere, ne segue che il suo essere, la sua sostanza e natura sono mie.

Non basta infatti essersi uniti a Dio, perché essere e conoscere non sono ancora Uno.

Io e te, se la luce eterna ci avvolge, siamo una cosa sola e questo due-uno è un ardente spirito, che sta sopra tutte le cose ma sotto Dio, nel circolo dell’eternità. È due, perché non vede Dio senza mediazione. Il suo conoscere e il suo essere, o il suo conoscere e la rappresentazione del conoscere non divengono mai una cosa sola.

Eckhart descrive “il circolo dell’eternità” come uno stato impermanente, in cui l’uomo viene elevato alla presenza dell’Assoluto, al di là della propria comprensione, grazie ad un dono divino, in maniera simile a quella in cui Arjuna riceve l’occhio divino per contemplare Īśvara nella sua forma cosmica, altrimenti inconcepibile. La consapevolezza di essere Uno con l’Assoluto non è ancora pienamente raggiunta e la Divinità è vista ancora attraverso il filtro della dualità, non nella sua “nudità”.

La strada per giungere a Dio è quella che porta più lontano dagli abituali confini dell’uomo. Una strada che non è più una distanza da percorrere, ma un dimorare nel seno dell’Assoluto, in perfetta ed indistinguibile unità con esso, in una consapevolezza silenziosa che si esprime in meraviglia e beatitudine:

[…] si chiama strada, ma è in realtà una dimora, ovvero il contemplare Dio senza mediazione, nel suo essere proprio. […] l’esser condotti su questa strada in Dio con la luce della sua Parola, avvolti dall’amore dello Spirito che da entrambi proviene, tutto questo sorpassa quel che si può esprimere a parole.

Guarda che meraviglia! Com’è meraviglioso: stare all’esterno come all’interno, abbracciare ed essere abbracciati, contemplare ed essere la cosa stessa contemplata, tenere ed essere tenuti: questo il fine in cui lo spirito dimora in pace, unito alla cara eternità.

Appare qui evidente la difficoltà di comprensione di questo stato per chi non “diventa uguale a questa verità” e, conseguentemente, come tanti fraintendimenti abbiano sempre accompagnato il pensiero del predicatore domenicano. Essere Uno con l’Assoluto non ha niente a che fare con la mancanza di umiltà di un uomo che si paragona a Dio: ambedue, Dio e Uomo, non sono più recepiti allo stesso modo in cui li scorge uno sguardo prigioniero della dualità. L’uomo, libero dall’identificazione di se stesso con l’insieme corpo-mente e dalla sua componente egoico-soggettiva, da cui consegue la distinzione da ogni altro ente, non è più ciò che comunemente viene inteso con la parola “uomo”; come direbbe Eckhart: “nell’unità non c’è né Corrado né Enrico”. Dio, d’altro canto, non è più un qualcosa che risiede nei cieli, più o meno misericordioso. Ciò che rimane di entrambi è il fondo silenzioso ed insondabile della Divinità, che accomuna uomo e Dio, in cui nessuna creatura può gettare lo sguardo se non perdendosi anch’essa in questo stesso fondo.

Per tale motivo l’Uno si può solo esperire, e trascende ogni possibile spiegazione e congettura. Il messaggio dei maestri in esame appare chiaro: la distinzione e l’opposizione, ogni distinzione e ogni opposizione, appartengono all’imperfezione e vanno perciò superate, in un’ulteriore unità.

[…] tale numero (senza numero) c’è nel tempo dell’imperfezione. […] Questo spirito deve oltrepassare ogni numero e attraversare ogni molteplicità […].

Solo allora, nell’Uno, è possibile intendere la Sapienza che deriva dal suo ascolto:

Chi deve intendere l’eterna Sapienza del Padre, deve essere nell’interiorità, presso di sé, deve essere uno; […] Tre cose ci impediscono di ascoltare la parola eterna. La prima è la corporalità, la seconda la molteplicità, la terza la temporalità. Se l’uomo avesse superato queste tre cose, abiterebbe nell’eternità, abiterebbe nello Spirito, abiterebbe nell’unità […].

Raggiungere l’Uno è descritto come un irrompere nella libertà, al di sopra di ogni volere, oltre il consueto conoscere: un ritrovare ciò che, pur senza averlo mai colto, siamo sempre stati.

Ma nel mio irrompere, in cui sono libero della mia volontà, della volontà di Dio, di tutte le sue opere e di Dio stesso, là sono al di sopra di tutte le creature e non sono né Dio né creatura, ma sono invece quello che ero e quello che sono e che sarò in eterno. […] nell’irrompere ottengo di essere una cosa sola con Dio. Allora sono quello che ero […].

Le Upaniṣad si esprimono in modo analogo: una volta che l’Uno viene attinto, niente ha più lo stesso significato, niente è più lo stesso.

Allora il padre non è più padre, la madre non è più madre, i mondi non più mondi, gli dei non sono più dei, i Veda non sono più Veda. Allora il ladro non è più ladro, chi fa abortire non è più infanticida, il servo non è più servo, l’intoccabile non è più intoccabile, il monaco non è più monaco, l’asceta non è più asceta.

Solo laddove vi è identificazione con un corpo è possibile parlare di agente, di azione e dei frutti di questa. Ripetiamo l’importante citazione upaniṣadica in armonia anche con il presente contesto:

Perché quando c’è, per così dire, dualità, allora uno vede qualcos’altro, uno fiuta qualcos’altro, uno gusta qualcos’altro, uno dice qualcos’altro, uno ascolta qualcos’altro, uno pensa qualcos’altro, uno tocca qualcos’altro, uno conosce qualcos’altro. Ma per chi tutto è diventato il Sé, cosa e con che cosa potrà vedere, cosa e con che cosa potrà fiutare, cosa e con che cosa potrà gustare, cosa e con che cosa potrà parlare, cosa e con che cosa potrà ascoltare, cosa e con che cosa potrà pensare, cosa e con che cosa potrà toccare, cosa e con che cosa potrà conoscere?

Ancora, ad indicare la fine del conoscere che separa soggetto ed oggetto, ma non della vera Conoscenza:

Che non conosca in quello stato è perché, pur possedendo la conoscenza, non conosce. Non c’è infatti interruzione della capacità di conoscere, per la sua indistruttibilità, in chi possiede la conoscenza; soltanto manca un secondo altro da Sé, un qualcosa di separato da Sé, che possa conoscere.

Tutti i mezzi di conoscenza e la stessa via che conduce all’Uno vengono bruciati nella comprensione liberatrice: “i Veda non sono più i Veda” dice il passo citato sopra della Bṛhadāraṇyaka Upaniṣad; le Scritture e le prescrizioni rituali e comportamentali sono destinate solamente a coloro che non hanno ancora raggiunto la Conoscenza, allo scopo di avvicinarli alla corretta comprensione della Realtà. I sapienti, riconoscendosi come non diversi dall’Uno, sanno che limitazione (bandha) e liberazione (mokṣa) non appartengono al Sé, ma sono sempre il frutto di una errata comprensione, di una sovrapposizione; non necessitano più, quindi, di nessun percorso e di nessuna guida, avendone colto il carattere illusorio. Per questo

[…] la Śruti non ha più alcuna ragione d’essere allorché si è realizzata la Conoscenza […].

Anche in questo caso, con eloquente metafora, Eckhart esprime il medesimo concetto:

Se desidero attraversare il mare e desidero un battello solo per navigare, quando ho fatto la traversata, non ho più bisogno del battello.

Non è concepibile dagli advaitin un percorso per arrivare al Brahman supremo, all’Uno-senza-secondo. Esso non è assimilabile ad un luogo: è, invece, onnipervadente ed è il Sé di tutto, anche di coloro che apparentemente procedono per una via. È davvero impossibile raggiungere ciò che è sempre presente! Perciò il Brahman nirguṇa non è la meta raggiunta completando un cammino di realizzazione, ma una presa di conoscenza liberatrice, che avviene in un eterno qui e ora, della propria reale natura: “tu sei Quello”.

Solo rispetto al Brahman saguṇa è infatti “logicamente” possibile parlare di un percorso graduale. Laddove la tradizione parla di corrispondenze tra macrocosmo e microcosmo, tra piano divino e piano umano, tra essere universale ed essere individuale, si riferisce sempre al Brahman saguṇa, che è definito come Uno-con-secondo appunto per via della sua relazione con l’universo. Ma l’unità con l’Essere qualificato, compendio e sintesi indefinita delle intere possibilità del finito, pur essendo il punto più alto cui si può pervenire al livello della molteplicità, rimane tuttavia sempre sul piano della qualificazione: è ancora gioco di māyā. L’Uno-senza-secondo trascende invece ogni possibile qualificazione, compresa l’unità universale, ed è perciò libero da qualsiasi relazione con qualsivoglia altra cosa. Esso è la Realtà non-duale, realizzabile solo nel conseguimento di quel Conoscere-Essere in cui è superata la distinzione tra conoscitore, conosciuto e conoscenza, nella Coscienza priva di secondo. Appare evidente l’affinità con la distinzione indicata da Eckhart tra ciò che egli chiama “essere unito a Dio” o, invece, essere l’Uno nel fondo immutabile che trascende ogni cosa.

Da questo punto di vista non ha più nessun senso chiedersi se il liberato sia unito a Dio o sia Uno con lui: solo l’Uno esiste realmente.

In verità sono Brahman, l’Uno senza secondo Quello a cui nulla può essere paragonato, la Realtà sempre esistente. Quello che oltrepassa tutte le immaginazioni di “io” e “Tu”, “questo” e “Quello”. Sono l’eterna Beatitudine, sono la Verità ultima.

In ragione di questo, ogni visione che separa uomo e Dio, per quanto possa sembrare devota, è sempre frutto dell’ignoranza:

Quindi chi venera come distinta [da sé] una divinità pensando: “Essa è una cosa e io sono un’altra”, costui non ha vera conoscenza, ed è per gli dei come una bestia.

A dimostrazione di quanto su questo punto Eckhart sia in sintonia con l’Advaita, ritroviamo nei suoi sermoni analoghe espressioni, nelle quali, in modo forse più compassionevole, ma non per questo meno deciso, chiama “persone semplici” (ma anche “asini”) coloro che continuano a pensare a Dio come ad altro da sé:

Molte persone semplici si immaginano che devono considerare Dio come lassù, e loro quaggiù. Non è così: io e Dio siamo uno.

La rimozione del velo dell’individualità fa scoprire all’uomo l’assoluta pienezza che egli è. E questo non in un’estatica visione di un Dio altro, che lo accoglie ed al quale si riunisce: l’Uno che l’uomo scopre di essere non rappresenta un’unità bensì, piuttosto, un’unicità, trascendente ogni forma di molteplice o di sua sintesi.

[…] qui è la pienezza dell’intera Divinità; qui è unità. Finché l’anima conosce qualche distinzione, non è come deve essere; finché qualcosa guarda all’interno o all’esterno non vi è ancora unità.

L’infinito si ha dove non si discerne nessun’altra cosa, nessun’altra si ode, nessun’altra si conosce. Dove si scorge qualcos’altro, si ode qualcos’altro, si conosce qualcos’altro, allora si ha il finito.

Sia nella visione advaita sia in quella di Eckhart il raggiungimento di questo stato è lo scopo ultimo dell’essere umano: l’unica condizione che può liberarlo dalla sofferenza, sempre legata al finito, al determinato, e di renderlo, nel ritrovamento della propria reale natura, finalmente completo. Seppure questa dimensione sia avvolta da un impenetrabile silenzio, essa non è estranea al conoscere, anzi solo questa è vera Conoscenza, anche se non quella distintiva cui siamo abituati. La comunicazione di questa Sapienza è la trasparenza del Silenzio.

Sottolineare le differenze nel modo in cui il maestro domenicano e quello indiano comunicano quest’ultimo passo, questo ritrovarsi nel fondo deserto e silenzioso della Divinità o nell’identità con il Brahman senza attributi, diventa un tradire il messaggio proposto: qui non vi è spazio per interpretazione alcuna, si può solo essere questa Verità. Solo essendo la Realtà si può veramente comunicarla, lasciarla esprimere. La dimensione dell’usuale sapere e distinguere non riguarda questo stato, a niente vale il domandare e il frammentare: chi conosce l’Assoluto diviene l’Assoluto stesso e non può che lasciarlo emergere. Sta ad ogni uomo, poi, nel silenzio, riconoscere ciò che veramente è.

Uno con l’Uno, uno dall’Uno, uno nell’Uno e, nell’Uno, eternamente Uno.

Pieno è Quello (Tad), pieno è questo (idam). Dal pieno nasce il pieno. Se pur si prende il pieno dal pieno rimane intatto il pieno.