​धार्मिक शब्दकोश

Glossary of Traditional Terms

(Updated with each new publication)

 

ABCDEGHIJKLMNOPRSTUVY

– A –

 

abādhya 
Inconfutabile;

ābhāsa 
Il riflesso di alcunché di luminoso su una superficie riflettente;

ābhāsavāda 
La dottrina secondo la quale l’aham (v.) è il riflesso del Brahman (v.) sulla superficie dell’intelletto (buddhiv.);

abhava 
1. Inesistente, non esistente; 
2. Assente, non presente;

abhaya 
Assenza di paura, lo stato di solitudine (kaivalya) o mokṣa (v.); 

abhidhāna
Descrizione, linguaggio che descrive un ente o un oggetto;

abhidheya
Ente od oggetto descritto;

abhimāna
Identificazione con ciò che è solo apparenza;

abhiṣeka 
1. Lustrazione, abluzione, purificazione; 
2. Talora impropriamente usato per dīkṣā (v.);

abhyāsa 
La ripetizione o sforzo nella pratica d’un metodo basato sul simbolo;

abhyudaya 
Abbondanza, prosperità;

abrahmatva 
Irrealtà;

ācārya 
1. Istruttore dei brahmacārin, insegnante dei testi sacri; 
2. Talora usato per designare un guru
3. In molti casi usato come titolo per il fondatore o restauratore di un saṃpradāya; 

acetana 
1. Non cosciente, la Prakṛti del Sāṃkhya
2. Stato d’incoscienza, l’inconscio;

acinta 
Al di là del pensiero;

acintya 
Inconcepibile;

acit 
1. La caratteristica d’essere non cosciente; un oggetto privo di coscienza; 
2. Inconsciente, la Prakṛti del Sāṃkhya; 

adbhuta 
Meraviglia, prodigio, miracolo;

adhārmika 
Ciò che è contrario al Dharma; i vizi;

adhibhautika prapañca 
Il mondo grossolano, la totalità della modalità grossolana manifestata da Virāṭ (v.); Gli oggetti della sola manifestazione grossolana considerati come un tutt’uno; il “macrantropo” o Corpus Mundi

adhibhūta 
La totalità della manifestazione dei bhūta (v.), dominio di Virāṭ (v.), il Macrantropo;

adhidaiva 
Di dimensioni divine, celestiali; l’universale; il Macrocosmo, dominio di Hiraṇyagarbha (v.);

adhidaivika prapañca 
Macrocosmo; proiezione universale della persona quale microcosmo;

adhigama 
Ottenimento, acquisizione;

adhikāra 
Qualifiche richieste per ottenere l’iniziazione o una determinata funzione-missione;

adhikaraṇa 
Argomento, tema;

adhikārin 
1. Chi è in possesso di determinate qualifiche; 
2. Chi deve svolgere una funzione, un missionato; 

adhyakṣa 
Osservatore, sinonimo di dṛṣṭṛ (v.);

adhyāropa 
Prima fase dell’adhyāropāpavāda (v.), vale a dire l’accettazione volontaria di un’apparenza illusoria come se fosse realtà;

adhyāropāpavāda 
Tecnica di discriminazione advitīya consistente in una intenzionale accettazione di false apparenze sovrapposte alla realtà, per poi procedere alla conseguente loro confutazione;

adhyāsa 
1. Falsa apparenza; sovrapposizione d’una forma illusoria su ciò che è reale; 
2. Meditazione che si limita all’apparenza del simbolo e non al suo il significato;

Adhyāsa Bhāṣya
L’introduzione di Śaṃkara al suo Brahma Sūtra Bhāṣya;

adhyasta 
Pensiero errato, sovrapposto;

adhyātman 
1. La personalità o l’essere totale, puruṣa
2. Il microcosmo umano 

Adhyātma Śāstra 
La scienza del Supremo Brahman, l’Advaita Vedānta;

adhyātmika prapañca 
Microcosmo, la persona composta da corpo e modalità sottili come sintesi del Macrocosmo;

Adhyātmika yoga 
1. La contemplazione vedāntica del Sé celato all’interno dell’individuo come propria vera natura; 
2. Nididhyāsana (v.);
3. Culmine del metodo del jñāna yoga; 

adhyavasāya 
Apprendimento intuitivo, attenzione contemplativa, intuizione, sinonimo di anubhāva (v.); 

ādi 
1. Inizio, principio;
2. il primo

adṛṣṭa 
Invisibile;

adr̥śya 
Sinonimo di adṛṣṭa (v.);

advaita 
Non dualità;

advaitin 
Iniziato all’Advaita Vedānta;

advitīya 
Aggettivazione di advaita, non duale;

advitīya caitanyavāda 
La dottrina della Coscienza non duale;

Advaita Vedānta 
1. Dottrina della metafisica non duale insegnato da Śaṃkara; 
2. Via iniziatica che insegna la dottrina e il metodo della conoscenza non duale;

ādya avasthā 
Lo stato primordiale, il compimento della restaurazione dell’individuo umano e la sua purificazione mentale;

ādya puruṣa 
Uomo primordiale, umanità del satya yuga;

Agama 
1. Un Tantra o testo della tradizione tantrica; 
2. nel Vedānta sta per śāstra (v.);

āgama-apāyin
Che viene e che va, mutevole;

āgamin karma 
Karma impercettibile, costituito dagli effetti delle azioni compiute durante l’ultima esistenza e di cui si fruisce nel post mortem. A conclusione di questo stazionamento nel pitṛ loka i risultati finali dell’āgāmi vengono a sommarsi al saṃcita karma (v.);

Agni 
Il fuoco, il dio del fuoco;

agnihotra 
Il sacrificio vedico del fuoco;

agnipraveśa 
L’interiorizzazione dei fuochi sacrificali;

agni vaiśvānara 
1. La luce dell’Uomo universale che proviene dal mondo esterno; 
2. Lo stato di veglia;

agrahaṇa 
Che non può essere colto, incomprensibile, inconoscibile, senza senso;

agrāhya 
libero dall’essere un soggetto agente;

aham 
1. L’“io” individuale, l’ego, il jīvātmanjīva ahaṃkāra
2. Il pensiero di esistere come individuo separatamente dall’Ātman

ahambhāva 
1. La convinzione d’esistere come ego indipendentemente dal Sé; 
2. Egocentrismo, egoismo 

Aham Brahma asmi 
Il mahāvākya “Io sono il Brahman” (BU I.4.10); 

Ahaṃgraha upāsanā 
Meditazione finalizzata al controllo del proprio “io”; 

ahaṃkāra 
1. Ciò che produce l’idea dell’ego (aham), la buddhi in quanto fa da piano di riflessione del Brahman-Ātman, su cui si riflette come l’aham
2. Talvolta l’aham stesso o la consapevolezza di esistere come individuo; 

ahamkṛta 
L’“io” quale prodotto dall’ahaṃkāra (produttrice dell’aham); 

aikāgrya 
Concentrazione della mente su un unico oggetto;

aiśvarya 
Essere il Signore; la Signoria; la totalizzazione dell’essere; 

aja 
Non nato, eterno; 

ajāgarita 
Privo di veglia;

ajātivāda 
Dottrina della non nascita;

ajña 
Privo di conoscenza;

ajñāna 
Sinonimo di avidyā (v.); 

ajñāna aṃśa 
Teoria dell’ignoranza parziale, sostenuta da alcune scuole deviate di Vedānta;

ajñāni 
Ignorante; 

ākāṅkṣā 
Desiderio, aspirazione; 

ākāra 
Forma, figura; 

akarma 
Non-azione; 

akartṛ (O akartā)
non agente;

ākāśa 
1. L’etere, l’elemento che pervade tutto lo spazio; 
2. lo spazio celeste; 

akhaṇḍaikarasa 
Essenza unica senza parti;

akhaṇḍākāśa 
Spazio illimitato;

akṣaṇa 
L’attimo intemporale;

akṣara 
1. Non-transeunte, immutabile, imperituro; 
2. Immobile, inerte;

akṣipuruṣa 
Il puruṣa nell’occhio, la persona allo stato di veglia che vede il mondo;

alakṣana 
Privo di caratteristiche;

amanastha 
Stato di non-mente;

amara 
Chi ha raggiunto l’immortalità;

amaratva 
Immortalità, mokṣa (v.); 

amartya 
Chi ha raggiunto l’immortalità; sinonimo di amara (v.);

amauna 
Esprimibile a parole;

amitra 
Non amico, ostile; 

amṛta 
1. Immortalità; 
2. Bevanda d’immortalità; 

amṛtagarbha 
Immortalità embrionale, virtuale; 

amṛtatā 
Immortalità; come amaratva (v.);

aṃśa 
Parte, frazione; 

amutra 
Là, lassù, l’aldilà; 

anādi 
Senza inizio;

anādi–ananta 
Senza inizio e senza fine; 

ānanda 
Beatitudine; pienezza dell’Essere;

ānandamaya kośa 
Involucro di Ātman fatto di beatitudine;

ānandin 
Beato;

ananta 
Senza fine;

ananutva 
Rimozione della continuità;

anārabdha karma 
Karma che non ha ancora iniziato a dare i suoi frutti;

anartha 
Debolezza, impotenza, inutilità, miseria, difficoltà; ciò che è nocivo o inutile in opposizione ad artha (v.);

anātmakavāda 
Dottrina buddhista che nega l’esistenza dell’Ātman

anātmakavādin 
Saguace della dottrina buddhista che nega l’esistenza dell’Ātman

anātman 
Ciò che non è Ātman

anavabodha 
Inintelligibile; 

anavagama 
Incomprensibile; 

anavasthāprasaṅga 
Regressus ad infinutum, errore logico per cui una causa deve essere dipendente da un’altra senza mai arrivare a una causa prima; 

aṅga 
1. Un membro del corpo; 
2. Le otto membra o tecniche metodiche da adottare successivamente secondo lo Yoga darśana
3. I prolungamenti sottili;

anidrā 
Privo di sonno;

anirvāca 
Indescrivibile;

anirvacanīya 
Indescrivibile;

anirvācya 
Indescrivibile;

aniścaya 
Incerto;

 

aniṣṭa 
Ciò che è indesiderato; 

anitya 
Mutevole, transeunte, impermanente;

aniyojya 
Privo di relazioni;

annamaya kośa 
L’involucro di Ātman fatto di cibo, il corpo;

anṛta 
1. Disordine, caos; 
2. L’inconscio; 
3. L’irreale, il falso

anta 
Fine, conclusione; 

antaḥ 
Interno, interiore; 

antaḥkāraṇa 
Lo strumento interno, la psiche composta da manasahaṃkāra buddhi (vv.); 

antaḥ-prajñāḥ 
Consapevolezza degli oggetti interni; 

antaraṅga 
Parte o fase interiorizzata; 

antarīkṣa 
Atmosfera, spazio intermedio tra cielo e terra;

antarindriya 
1. Gli organi interni; 
2. Il senso interno, il manas

antaryāmī 
Il reggitore interno, l’Ātman nel cuore; 

antyapramāṇa 
Le Upaniṣad in quanto pramāṇa finale o più elevato; 

anyathā 
Difforme, alterato, falsificato; 

aṇu 
Granello di pulviscolo; gli atomi del Vaiśeṣika darśana (v.);

anubhava 
L’esperienza, l’Intuizione universale; nello Yoga la modificazione mentale prodotta da un’esperienza o intuizione; 

anubhavāṅga tarka (o anubhavānusāri tarka)
La logica in armonia con l’Intuizione;

anugraha 
Qualsiasi influenza spirituale, sia quella trasmessa a livello esteriore tramite una benedizione, prasada, sia quella trasmessa mediante il rito d’iniziazione; 

anumāna 
Il pramāṇa (v.) basato sulla logica; la deduzione o l’inferenza; 

anupalabdhi 
Il pramāṇa che constata l’assenza d’un oggetto;

anuṣatyānubodha 
L’intuizione della realtà dell’Ātman;

anvaya 
Concordanza comparativa;

anvaya-vyatireka 
Concordanza e discordanza comparativa;

anyathāgrahaṇa 
Idea o pensiero alterato;

anyonyāśrayadoṣa 
Errore logico consistente nella mutua dipendenza dell’effetto e della causa, ragionamento circolare o circolo vizioso. Es.: “Il karma produce il corpo e il corpo produce karma”; 

apakṣya 
Decadenza, invecchiamento;

Aparabrahman 
Il Brahman non Supremo, anche Kārya Brahman, Brahman-effetto, e Brahman Saguṇa, Brahman qualificato. Questa opinione sul Brahman si limita allo stato causale (kāraṇa avasthā, v.); 

Aparabrahman vidyā 
La dottrina del Brahman non Supremo; la metafisica parziale limitata alla conoscenza dello stato causale (kāraṇa avasthā); la via iniziatica che conduce alla purificazione dell’individualità in vita e al Brahma loka dopo la morte;

apara rahasya 
Mistero minore, qualsiasi dottrina del non Supremo; 

aparavidyā 
Sinonimo di Aparabrahman vidyā (v.); 

aparokṣa 
Immediato, evidente; immediatamente riconoscibile;

apauruṣeya 
Non umano;

apavāda 
Confutazione; 

āpekṣika 
Ciò che è sottoposto a qualche relazione; 

āpekṣika amṛtatva (O āpekṣika amaraṇa)
Immortalità relativa; 

āpekṣika mukti 
Liberazione relativa nel non-Supremo;

apramāṇa 
Falsi strumenti di conoscenza;

aprameya  
Ciò che non è conoscibile; 

aprāṇa 
Privo di soffi vitali;

apratibodha 
Privo di coscienza;

āpta vacana (o vākya)
Affermazione autorevole, degna di fiducia; 

apunarāvṛtti 
Il non ritorno a questo mondo;

apūrva 
Lett. “ciò che prima non c’era”; termine con cui i mīmāṃsāka chiamano l’adṛṣṭa phala (v.); 

ārambhaṇa 
In Principio; 

Āraṇyaka 
Testi del Veda dedicati allo studio di riti interiorizzati; 

artha 
1. Oggetto; 
2. Ciò che è utile, contrario di nocivo o inutile, anartha (v.); 

arthāpatti 
Il pramāṇa dell’ipotesi o supposizione; 

arthaśāstra 
Scienza dell’esercizio del potere;

arūpaka bhava 
L’esistenza informale, lo stato causale, l’esistenza in sonno profondo; 

ārya 
Nobile, appartenente alle tre caste più elevate; 

asādhaka 
Privo di realizzazione, virtuale; 

asādhaka dīkṣita 
Iniziato virtuale; 

asakta 
Chi è distaccato dalle passioni;

aśaktyā anugraha 
1. Influenza spirituale priva di potenza realizzatrice che può essere concessa a non iniziati o ad animali; 
2. Benedizione con effetti positivi in favore di una possibile migliore rinascita; 

asamprajñāta 
Incosciente, inconsapevole;

āsana 
Terzo “membro” dello Yoga darśana; le posizioni ovvero il controllo del corpo; 

aśanāyā 
Fame; 

aśāṅti 
Inquetudine mentale; 

aśarīri 
Privo di corpo, l’Ātman;

asarvatva 
Il ‘non essere tutto’;

asat 
1. Una cosa priva di realtà; 
2. Una cosa assente (“qui non c’è nessun serpente”); 

asatya 
Irreale, falso;  

asmitā 
1. Il senso dell’“io” e del “mio”; 
2. Egoismo, egocentrismo; 

āśraya 
Sostrato, supporto, base;  

aśreyas 
Sfavorevole, infausto;

aśraddhā 
Volontà di opporsi alla śraddhā (v.); 

āśrama 
1. Le quattro fasi della vita dell’hindū
2. Dimora di un guru;

asthūlatva 
Stato non grossolano;

aśubha karma 
Azioni riprovevoli che producono pāpa (v.);

asura 
I titani, una categoria di demoni anti-dèi;

asura loka 
Il mondo dell’abisso abitato dagli asura

āsvāda 
La fruizione o il godimento di qualcosa; 

asvapna 
Privo di sogni;

asti 
Esistenza prenatale; 

atatpara vākya 
Aforismi che non indicano la meta finale;

Atatho brahma jijñāsa 
“Ora, dopo di ciò, si desidera conoscere il Brahman”, verso iniziale dei Brahma Sūtra (I. 1. 1);  

ativarṇāśrami 
Al di sopra della condizione castale e delle fasi della vita; designa il saṃnyāsin perfetto;

Ātmaikatva 
Unicità del Sé; 

Ātman 
Il Sé, l’intima realtà assoluta che si cela in tutti gli esseri; il proprio vero “Io”; 

Ātmānātman 
Il Sé e il non Sé; 

Ātman sākṣātkāra 
Essere stabilito nell’esperienza intuitiva dell’Ātman;

Ātmā pratyaya 
Consapevolezza ‘essere il Sé; incrollabile certezza dovuta alla conoscenza diretta;  

ātmatva 
Essenza spirituale; 

Ātmavicāra (O Brahma vicāra)
Cerca del Brahmātman, sinonimo di tattva vicāra (v.);  

ātyantika pralaya 
Dissoluzione del Kalpa nel Brahman Supremo;

avabodha 
Presa di coscienza;

avadhāraṇa 
Risultato conoscitivo della concentrazione;

avagama 
Comprensione, intendimento, intelligenza;

avagati 
Comprensione “attimale”, intuizione, sinonimo di anubhāva (v.);  

avaidika 
Contrario al Veda, eterodosso;

avapadeśya 
Incomunicabile;

āvaraṇa 
Copertura, sovrapposizione;

avasthā 
Uno stato di coscienza, che include il mondo e la persona che gli sono propri;

avasthātraya 
I tre stati di veglia, sogno e sonno profondo;

avasthātraya mīmāṃsā 
Esame dei tre stati di Coscienza;

avasthiti 
Immobilità, ciò che è fuori dal divenire; 

avatāra 
“Il disceso”, personalità terrena assunta da un Dio; 

avatārana 
Discesa sulla terra di un Dio; 

āveśa 
Possessione di una persona o una cosa da parte di una divinità, un siddha, un demone o un mago; 

avicāra daśa 
Condizione di non ricerca della verità; 

avidvas 
Ignorante; 

avidyā 
L’ignoranza; 

āvidyaka 
Fatto di ignoranza; 

avidyā kalpita 
1. Immaginazione prodotta dall’ignoranza; 2. Sinonimo di āvidyaka (v.);  

avidyākṛta 
Prodotto dall’ignoranza; 

avidyāleśa 
Porzione di ignoranza; 

avidyāmaya 
Fatto di ignoranza; 

avidyānivṛtti 
Rimozione dell’ignoranza, correzione della falsa conoscenza;

avidyāpratyupasthāpita 
Tutto ciò che è sottomesso a ignoranza;

avidyātmaka 
Della natura dell’ignoranza;

avikriyā 
Immutabile;

avināśi 
Indistruttibile; 

aviṣayatva 
Assenza di percezione; 

aviveka 
Mancanza o incapacità di discriminazione; 

āvṛtti 
Ripetizione;

avyākṛta 
Stato seminale indifferenziato del mondo, erroneamente identificato a suṣupti; 

avyakta 
1. Non manifestato, invisibile, inconcepibile; 
2. Per il Sāṃkhya la Prakṛti

avyavahāra 
Ciò che è privo di relazioni, l’Assoluto; 

ayam Ātmā Brahma 
Il mahāvākya “questo Ātman è Brahman” (MU I. 2); 

ayana (O ayaṇa
movimento curvilineo, ciclico;

avyavahārya 
Privo di relazioni empiriche;

Āyurveda 
La scienza del benessere, la medicina tradizionale hindū;

āyuṣya 
1. Prolungamento artificiale della vita corporea ottenuto come siddhi o tramite alchimia (rasavidyā); 
2. Longevità parziale; 

 

– B –

 

bābā 
Padre, forma popolare per chiamare uno yogi o un sādhu

bādha 
Abolizione, rimozione; 

bahiḥ 
Esterno, esteriore; 

bahiḥkāraṇa 
Strumenti rivolti verso l’esterno, i cinque sensi; 

bahirindriya
Organi esterni corrispondenti ai sensi o alle facoltà di azione; 

bahiṣprajñāḥ 
Consapevolezza degli oggetti esterni; 

bāla 
1. Neonato le cui facoltà individuali non si sono ancora sviluppate verso il mondo esterno; 
2. Il saṃnyāsin che ha realizzato bālya
3. eroe; 

balābala 
 Forza e debolezza, il pro e il contro;

bālya
Lett. puerizia o avvolgimento potenziale, grado spirituale del saṃnyāsin corrispondente alla fase di manana;

bandha 
Legame, limitazione; 

bauddhī śuddhi 
Purificazione mentale; 

Bhagavan 
Il Venerato Signore, Īśvara; 

Bhagavatpāda 
Pilastro venerabile, attributo dell’Ādi Śaṃkara; 

bhakta 
Pertinente alla bhakti

bhakti 
Compartecipazione, sympathéia, devozione; 

Bhakti yoga 
La via della devozione;

bhāṣya 
Commentario a un testo tradizionale; 

bhāṣyakāra 
L’autore del Brahma Sūtra Bhāṣya, Śaṃkarācārya; 

bhava 
Esistenza;

bhāva 
1. Esistente; 
2. Un oggetto presente;

bhavabandha 
Condizione o modo d’esistenza; 

bhāvābhāva 
Qualcosa che può essere considerato sia esistente sia inesistente; 

bhāvana 
Cognizione immaginata, teoria; 

bhāvanarūpa 
Costruzione mentale, immaginazione creatrice; 

bhavarūpa 
Esistente per sua natura, reale; 

bhavasamudra 
L’oceano dell’esistenza, l’Universo manifestato composto da una indefinità di mondi (lokav.) di trasmigrazione; sinonimo di saṃsāra

bhavāvidyā 
Esistenza reale dell’ignoranza; 

bhaya 
Spavento, terrore; 

bhedābhedavāda 
Dottrina del Bhedābheda Vedānta (v.);

bhedābhedavādin 
Sostenitore del bhedābhedavāda;

Bhedābheda Vedānta 
Scuola della differenza-non-differenza; dottrina dualista di Bhartṛprapañca che sosteneva essere l’Ātman sia identico sia differente dal Brahman; 

bheda buddhi 
Il senso di differenziazione;

bhoga 
Fruizione;

bhogabhūmi 
Zone della terra dove si fruisce dei frutti dell’azione, ma in cui non è possibile compiere riti;

bhoga loka 
Mondo o cielo in cui si fruisce dei frutti dell’azione, ma dove non si può agire;

bhogya 
Oggetto di fruizione;

Bhoktṛ (O bhoktā)
fruitore, sperimentatore della bhukti (v.); 

bhoktṛtva 
La condizione di essere un fruitore; 

bhrama 
La falsa conoscenza, l’errore d’interpretazione, sinonimo di mithyā (v.); 

bhramati 
Errare, conoscere in modo erroneo, essere in errore;

bhrānta (O bhrānti)
erroneo, erroneamente concepito, incompreso; 

bhu 
Radice del verbo esistere; 

bhū 
La Terra; 

bhukti 
Fruizione, godimento; 

bhūmaṇḍala 
L’ambiente terrestre;

bhūta 
I cinque elementi grossi, etere, aria, fuoco, acqua e terra; 

bīja 
Seme, origine, causa; 

biṃba 
1. Immagine riflessa, forma proiettata; una cosa apparente sovrapposta a una realtà; 
2. Specchio;

bimbacaitanya 
La Coscienza-specchio su cui appaiono i riflessi; 

bindu 
Punto, goccia, seme, essenza;

bodha 
Il grande risveglio, la Conoscenza, la Liberazione; 

bodhaka dṛṣṭi 
Punto di vista intellettuale; 

bodhi 
Risveglio, illuminazione; 

brāhma 
La qualità e funzione del brāhmaṇa, la contemplazione; 

Brahma 
v. Brahman (sostantivo neutro);

Brahmā 
(Sost. masch.) ipostasi di Īśvara; 

brahmacārin 
Studente dei testi sacri durante il primo stadio della vita dell’ārya

brahmacārya 
Primo stadio della vita di un ārya, periodo dedicato allo studio dei testi sacri della casta d’appartenenza sotto la guida d’un ācārya; periodo di assoluta castità; 

brahmahatyā 
Brāhmaṇicidio;

brahmaja 
Nato dall’uovo di Brahmā, Hiraṇyagarbha;

brahmajijñāsu 
Il cercatore del Brahman; 

brahmajñāna 
Sinonimo di Parabrahman vidyā (v.); 

brahmaloka 
Il mondo di Brahmā, il cielo più alto il cui reggitore è Hiraṇyagarbha; 

Brahman 
(Sost. neutro) il Supremo Brahman, l’assoluto non duale, infinito, eterno, immutabile, Coscienza ed Esistenza pura;

Brahman anubhava 
L’intuizione dell’Assoluto; 

Brahman-Ātman (O Brahmātman)
Binomio che indica l’identità tra l’Assoluto e la natura reale del Sé;

Brahman nirguṇa 
Il Supremo Brahman in quanto privo di attributi e qualità;

Brahman saguṇa 
Il non Supremo Brahman in quanto dotato di attributi e qualità;

Brahman svarūpa pratipādaka vakya 
Aforismi che spiegano la natura del Brahman (v. mahāvākya);

brāhmaṇa 
Sacerdote, appartenente alla prima e più elevata casta;

Brāhmaṇa 
Manuali di studio dei rituali che fanno parte del Veda

brahmāṇḍa 
L’uovo di Brahmā; manifestazione potenziale d’un mondo che dovrà sviluppare dettagliatamente i suoi contenuti nel corso del tempo; corrisponde nel Macrocosmo al piṇḍa microcosmico: “yatha piṇḍe tatha brahmāṇḍe”, “com’è il piṇḍa così è il Brahmāṇḍa”; 

brahmapurā 
La cittadella di Brahmā situata nel cuore; corrisponde nel microcosmo umano al macrocosmico brahmaloka

Brahmātman 
Identità assoluta del Sé e del Brahman;

Brahmātmānubhava 
Esperienza intuitiva del Brahmātman, il mokṣa (v.);

Brahma vidyā 
Sinonimo di Parabrahman vidyā (v.);

buddha 
Conoscente, illuminato;

buddhi (O mahanmahat)
L’intelletto, facoltà di discriminazione e di volizione; con la maiuscola, Buddhi, il suo corrispondente macrocosmico, l’intelletto divino di Hiraṇyagarbha;

 

– C –

 

caitanya 
Coscienza;

caitanya prakāśa 
Coscienza autoluminosa;

caitanyapratibimba 
La coscienza riflessa, il jīva;

cakra (O kamala)
ruota o fiore di loto, nome dei centri sottili situati nel corpo umano; 

cakṣus 
Il senso della vista;

candraloka 
Il mondo della luna, il bhogaloka di chi ha percorso il pitṛyāṇa;

cārvāka 
Corrente di materialisti dell’India antica;

caramavṛtti 
Percezioni provenienti dal mondo esterno;

caturbhuja 
Con quattro braccia;

caturtha 
Sinonimo di Turīya (v.);

catuṣṭaya 
Quadruplice;

cetana 
Un essere cosciente;

chāyāvāda 
Dottrina dell’ombra, variante di abhāsavāda (v.);

cidātman 
Il Sé cosciente;

cidrūpa 
Natura di Coscienza;

cinmātra 
Consistente di pura Coscienza;

cinmāyā 
Che è costituito di pura Coscienza;

cintāmaṇi 
Pietra filosofale;

cintana 
Sinonimo di upāsanā (v.);

cintya 
Pensato, meditato; 

ciraṅjīvan 
Longevità, prolungamento della vita corporea fino allo scadere del tempo concesso all’umanità;

ciraṅjīvin 
Otto personaggi mitici che, per svolgere le loro missioni, hanno ottenuto il ciraṅjīvan;

cit 
La caratteristica d’essere cosciente; un oggetto dotato di coscienza;

citta 
1. Coscienza individuale; 
2. La memoria come deposito dei ricordi;

cittavṛtti
Corrente di pensieri, idea o modificazione mentale;

codana 
Regola; 

codana tantra 
Regole scritturali;

 

– D –

 

dahara vākya 
Aforismi minori, che insegnano le scienze del non Supremo;

daihika 
Aggettivo di deha, corporeo;

daihika karma 
Attività corporea;

daiva 
Volontà divina, provvidenza;

dama 
Controllo dei sensi;

dāna 
Dono, offerta;

dhāraṇā 
La concentrazione yogica;

darśana 
1. Punto di vista o di osservazione; 
2. I sei punti di vista dottrinli con cui esaminare la realtà; 
3. Visione dell’Ātman;

dārṣṭāntika 
L’uso del simbolo o dell’esempio portati come prova;

dautya 
Missione, messaggio;

deha (O sthūla śarīrav.)
Il corpo mortale composto dei cinque elementi;

dehānta 
Fine del corpo, morte;

dehin 
Un essere individuale rivestito di un corpo grosso nel corso della vita terrena;

Deva 
Il Dio auto luminoso;

devatā 
Gli dèi, le divinità;

devayāna 
La via degli dèi, percorso postumo che conduce l’anima (jīvātman) dello yogi a incorporarsi in Hiraṇyagarbha;

dhana 
Le ricchezze, le proprietà;

dhāraṇā 
1. Concentrazione della mente, sesto aṅga dello Yoga darśana
2. Rimanere in digiuno per farne ricadere la responsabilità karmica su una certa persona;

dharma 
1. La Legge universale; la Tradizione hindū
2. L’insieme dei precetti ritualistici sia esteriori sia iniziatici; 
3. Oggetto, cosa; 
4. qualità essenziale, proprietà, condizione, peculiarità;

dharma-dharmi saṃbandha 
Relazione tra la qualità e il qualificato;

dharmajñāna 
La scienza del rituale;

dhārmika 
Ciò che è conforme al Dharma, le virtù;

dharmin 
1. Chi segue il Dharma; 
2. Chi è subordinato a certe regole, stati o condizioni;

dharmya 
1. Chi è conforme all’Ordine universale, il Giusto; 
2. attributo di Īśvara;

dhātu 
Componente corporea, membro o organo;

dhi 
Pacificazione, contemplazione;

dhīkṣita 
Unto, consacrato; si usa per i sovrani; 

dhyāna 
Meditazione o contemplazione, settimo aṅga dello yogadarśana. Non si attribuisce necessariamente all’ambito iniziatico;

Dhyānayoga 
Metodo iniziatico basato sulla meditazione e contemplazione di un dio o di Īśvara; appartiene al livello del Bhakti yoga; nel Vedānta è sinonimo di Adhyātmayoga;

dik 
Direzione spaziale;

dīkṣākaraṇa 
Il rituale d’iniziazione;

dīkṣākarin 
Colui che dà l’iniziazione, guru upaguru;

dīkṣā 
L’iniziazione; il rito d’iniziazione; 

dīkṣita 
Chi ha ottenuto l’iniziazione (dīkṣāv.) da un guru;

divya 
Luminoso, divino, celeste;

draṣṭṭa 
Sinonimo di dṛṣṭṛ (v.);

dravya 
Cosa, sostanza, materiale;

dravya- lakṣaṇa saṃbandha

1. Relazione tra sostanza e accidenti; 2. sinonimo di dharma-dharmi e gua-guṇi

dṛg-dṛśya viveka 
Discriminazione tra il vedente e il veduto;

dṛś 
1. Vedere; 
2. Sinonimo di dṛṣṭṛ (v.);

dṛśati 
Che si fa vedere; apparizione, apparenza, fenomeno;

dṛṣṭa 
Visibile;

dṛṣṭa phala 
Risultato visibile dell’azione che si ottiene in vita;

dṛṣṭi 
Visione, punto di vista, punto di osservazione, angolatura;

dṛṣṭividyā 
La scienza del vedere correttamente;

dṛṣṭṛ (O dṛṣṭā)
colui che guarda, l’osservatore, il vedente, lo spettatore;

dṛśya 
Una cosa vista, osservata; lo spettacolo;

duḥkha 
Dolore, sofferenza;

dvaitavāda 
Dottrina che sostiene che il Principio è duale;

Dvaita Vedānta 
Vedānta dualistico fondato da Madhva;

dveṣa 
Repulsione;

dvija 
Due volte nati; coloro che hanno compiuto il rito upanayana di aggregazione alla casta; sinonimo di ārya;

 

– E –

 

eka 
Uno, solo;

ekāgratā 
1. Reductio ad unum, unificazione, concentrazione su un solo oggetto; 
2. Il fine dello yoga (unione);

ekatā 
Unificazione, termine tipico dello Yoga darśana;

ekena

Unico, solo;

 

– G –

 

gaṇa 
1. Moltitudine, gruppo; 
2. Una categoria di semidei; 

gandha 
1. Profumo; 
2. Il tanmātra dell’olfattibilità;

gārhasthya 
Secondo stadio della vita dell’hindū di casta, capofamiglia;

gāyatrī 
Omonimo di sāvitrī

ghanatva  
Stato omogeneo, indifferenziato;

ghatākāśa 
Spazio limitato;

ghrāṇa 
Il senso dell’olfatto; 

grāhāgrāhakbhāva 
Relazione tra soggetto e oggetto (tra chi afferra e chi è afferrato);

grāhaka 
Lett. “Colui che afferra”, il soggetto conoscitore, sinonimo di pramātṛ (v.);

grahana 
Comprensione, cognizione;

grahaṇābhāva 
Inesistenza della comprensione o non-comprensione;

gṛhapati 
Padrone di casa; 

gṛhastha 
Capofamiglia, chi si trova nel secondo stadio della vita;

gṛhya 
Pertinente alla casa, si riferisce al gṛhastha

guṇa 
1. Qualità, attributo; 
2. Le tre qualità del divenire contenute nella Prakṛti del Sāṃkhya

guṇa-guṇi saṃbandha 
Relazione tra la qualità e il qualificato;

guru 
Lett. ponderoso, grave, importante; maestro che conferisce l’iniziazione, e insegna la dottrina e il metodo iniziatici; 

gurukula 
La scuola di un guru;

guruśisyaparaṃparā 
Catena iniziatica dei maestri e dei discepoli; 

 

– H –

 

haṃsa
1. Cigno od oca selvatica, nome con cui si definisce l’umanità perfetta del satya yuga, dell’età dell’oro; 
2. Penultimo livello spirituale del saṃnyāsin, in cui si restaura lo stato primordiale umano; 
3. Anagramma di so’ham
4. Inspirazione ed espirazione; 

Haṭhayoga 
‘Yoga dello sforzo’, metodo iniziatico preparatorio, consistente nel controllo del proprio corpo e dei soffi vitali (prāṇav.); 

hetu 
Ragionamento logico; 

hetuvidyā 
La scienza dialettica; 

hetvābhāsa 
Ragionamentto fallace;

Hiraṇyagarbha 
L’embrione d’oro dell’Uovo cosmico, Brahmā come principio manifestante il mondo e datore di vita, l’Anima mundi, jīva ghana (v.); 

hiraṇyagarbha 
Rituale di ammissione a una casta;

hṛdayapura 
La cittadella di Brahmā che si trova nel cuore;

 

– I –

 

icchā 
Volontà individuale; 

Iḍā 
Una arteria sottile nella parte sinistra del corpo;

idam 
Lett. “Questo”; gli oggetti esterni e interni; tutto ciò che è distinto da “Quello” (Tat, v.), dall’Ātman;

iha 
Qui, quaggiù, il nostro mondo; 

indrajāla 
Rete di Indra; spettacolo di magia o d’illusionismo;

indriya 
Undici facoltà o poteri individuali: i cinque sensi (jñānendriya), le cinque facoltà d’azione (karmendriya) e la mente (manas) detto anche senso interno (antarindriya); 

indriya anubhava 
L’esperienza sensoria;

indriyagocara 
Percepibile dai sensi;

indriya golaka 
L’organo corporeo sia esterno sia interno usato come strumento della corrispondente facoltà di senso o soffi vitali; 

indriya nigraha 
Controllo dei sensi; 

iṣṭa 
La cosa desiderata; 

Īśvara 
Il Signore, il Brahman inteso come sovrano e causa della manifestazione; 

Itihāsa 
Le due epopee, il Mahābhārata e il Rāmāyaṇa

 

– J –

 

jaḍa 
Ottuso, sciocco, senza senso, inerte, grossolano;

jaḍatva 
Insensatezza;

jaḍavastu 
Oggetto insenziente, grossolano, inanimato;

jāgarita 
Lo stato di veglia;

jāgarita sthāna 
Lo stazionamento nella veglia, sinonimo di jāgrat avasthā (v.);

jagadaiśvarya 
Dominio sul Cosmo;

Jagadguru 
Titolo dei successori ai quattro Maṭha fondati da Śaṃkara;

jagat 
Il mondo, in particolare quello della veglia;

jāgrat avasthā 
Lo stato della veglia;

jāgrat cetanā 
Coscienza dello stato di veglia; 

jāgrat prapañca 
Il mondo dello stato di veglia;

jāgrat puruṣa 
La persona o il soggetto conoscitore nello stato di veglia;

janma 
Nascita;

janus 
Genere, generale, generalità;

jāpa 
La ripetizione del mantra;

jāti 
Natura, tipo di nascita, genere, specie, razza, casta;

jijñāsā 
Desiderio di conoscere l’Assoluto;

jijñāsu 
Il cercatore della conoscenza dell’Assoluto;

jīva 
1. L’“io” vivente, l’ego; l’individuo umano sottoposto alla trasmigrazione;
2. Forma apparente dell’Ātman;

jīva bhava 
La condizione individuale;

jīva anubhava (O saṃsāri anubhava)
L’intuizione di esistere come jīva;

jīva ghana 
Agglomerato di vita, Hiraṇyagarbha in quanto Anima MundiEgo universale del mondo della veglia;

jīva jagatrūra 
Il binomio formato da “io” e il mondo;

jīvan 
La vita individuale, lo stato d’esistenza degli esseri sottoposti ai limiti prodotti da nāma-rūpa

jīvan mukta 
Il liberato in vita;

jīvātman 
1. L’Ātman apparentemente sottoposto alle condizioni di vita; 
2. Il jīva come anima vivente individuale;

jīvātva 
Condizione dell’esistenza in quanto individuo vivente;

jñāna 
La conoscenza sintetica, diretta, immediata, senza intermediari; usato sia per indicare l’Intuizione dell’Assoluto, cioè la Conoscenza suprema metafisica sia anche per ogni tipo di intuizione parziale, come la percezione sensoria;

jñāna abhāva 
Assenza di conoscenza;

jñānābhyāsa 
Ripetizione dell’indagine conoscitiva;

jñānaguru 
Maestro di Conoscenza, istruttore spirituale;

jñāna khaṇḍa (O jñāna kāṇḍa)
sezione del Veda dedicata alla conoscenza; le Upaniṣad;

jñāna khaṇḍa śāstrīya vyavahāra 
Insegnamento scritturale su ciò che è imperscrutabile ai sensi e alla mente;

jñāna mārga 
Via della Conoscenza, l’Advaita Vedānta;

jñāna niṣṭhā 
Conclusione della cerca conoscitiva; esaudimento del desiderio di conoscere (jijñāsāv.);

jñānaprakāśa 
Illuminazione conoscitiva;

jñāna-śabda 
Parole o termini che si riferiscono alla Conoscenza;

jñāna vākya (O nirguṇa vākya)
Aforismi sulla conoscenza suprema (v. mahāvākhya);

jñāna yoga 
Il metodo della Conoscenza, l’Advaita Vedānta;

jñāna yoga vyavahāra 
Inizio del Vedānta vicāra (v.) in cui il jñāni (v.) indaga sull’illusorietà del mondo empirico;

jñānendriya 
Le facoltà di conoscenza (jñāna-indriya), i cinque sensi;

jñāni 
Colui che segue la via della Conoscenza jñāna mārga;

jñapti 
Sforzo o attività volta alla conoscenza;

jñātṛ (O jñātā)
il conoscitore;

jñeya 
La cosa conoscibile o conosciuta, l’oggetto della conoscenza;

jyoti 
Luce;

jyotir bhavati 
La luce che illumina lo stato di sogno, la luce che proviene dall’Ātman;

 

– K –

 

kaivalya 
1. Stato di solitudine e povertà totale;
2. Sinonimo di mukti;

kāla 
Il tempo, il divenire;

Kāla 
Dio del tempo, la Morte, ipostasi di Śiva;

kalā 
1. Una parte, una frazione;
2. I sedici digiti lunari;

kalpanā 
La facoltà mentale dell’immaginazione;

kalpita  
Immaginato, inventato, artificiale;

kalpita saṃvṛti 
Immaginazione erronea;

kalpya 
Ritualistico, che appartiene al karma khaṇḍa (v.);

kāma 
Il desiderio, gli appetiti per il piacere;

Kāma (O Kāmadeva)
Dio dell’amore;

kāmaga 
Chi è in preda delle passioni;

kāmakāra 
Produttore di desideri;

kamala 
Fiore di loto;

kāma saṃkalpa

Inclinazione innata che produce un determinato desiderio;

kāmaśāstra 
Scienze che studiano la produzione mentale dei desideri per i godimenti e il relativo comportamento umano;

kapha 
La flemma del tridoṣa (v.);

Kāpila sāṃkhya 
Il Sāṃkhya darśana;

kāra 
Che fa, che produce;

kāraka 
Strumenti dell’azione;

karaṇa 
1. Strumento;
2. Caso strumentale;

kāraṇa 
Causa;

kāraṇa avasthā 
Concetto erroneo di “stato causale” attribuito alla suṣupti avasthā o Prājña. Esso conterrebbe sotto forma indistinta tutti gli oggetti che si manifestano come suoi effetti nello stato di veglia e in quello di sogno;

kāraṇa-kārya saṃbhandha 
Relazione di causa-effetto;

kāraṇa śarīra 
Il presunto corpo causale di esseri e cose contenuto in kāraṇa avasthā (v.);

kārikā 
Aforisma, breve sentenza dottrinale in versi;

karma 
Qualsiasi azione, in particolare quella rituale;

karmabhūmi 
La terra su cui si può compiere riti;

karma jāti 
La nascita che permette di compiere riti;

karma khaṇḍa (O karma kāṇḍa)
Sezione del Veda dedicata ai riti, comprende SaṃhitāBrāhmaṇa Āraṇyaka;

karma khaṇḍa śāstrīya vyavahāra 
L’insegnamento scritturale riguardante i riti;

karma loka 
Mondo dove si può compiere azioni rituali;

karma mārga 
Via iniziatica basata sul rituale, chiamata anche via delle opere o dell’azione;

karmāṅga 
Composto d’azioni rituali;

karmaphala 
Sinonimo di kriyāphala (v.);

karmavaśa 
Sottoposto all’azione;

karma yoga 
1. La via dell’azione (v. karma mārga): 
2. Nel linguaggio vedāntico qualsiasi metodo usato per la purificazione della mente che possa operare a livello corporeo, verbale o mentale come preparazione per il jñāna yoga;

karma yoga vyavahāra 
Purificazione delle modalità individuali tramite karma coprorei, verbali o mentali;

karmendriya 
Le facoltà di azione: deambulazione, prensione, parola, generazione ed escrezione, correlate ai cinque prāṇa;

kartavyāntara 
Impegno, occupazione;

kartṛ (O kartā)
Colui che compie l’azione, l’agente;

kartṛbhava 
La condizione di chi è un agente (kartṛv. );

kartṛtva 
Il fatto di essere un agente;

karuṇā 
Misericordia, compassione;

kārya 
Effetto d’una causa (kāraṇa);

Kārya Brahman 
Il non Supremo Brahman inteso come un effetto apparente del Supremo;

kārya dharma 
Produzione, cosa prodotta;

kāryakāraṇabhāva ālocana 
Riflessione sulle relazioni tra causa ed effetto;

kārya-kāraṇa vicāra 
Discussione su causa ed effetto;

kaumārakāya 
1. Estensione della vita corporea mantenendo un aspetto giovanile, generalmente da sedicenne; 
2. Chi ha bevuto il liquore di permanente giovinezza;

kāya 
Corpo; 

kāyaka  
Corporeo;

kāyaka kriyā 
Azione corporea;

kāya sādhana 
Tecnica yogica e alchemica per ottenere il kaumārakāya (v.);

ketana (O liṅgav.)
Simbolo;

kevala 
Solo, unico;

kośa 
Involucro; I cinque involucri di Ātmanannamayaprāṇomayamanomayavijñānomayaānandamaya (v.);

kṛ 
Fare, agire, produrre;

krama mukti 
Liberazione per gradi; 

kratutantra 
Compiuto con sforzo di volontà”, di dice del sādhana della aparavidyā, opposto a vastutantra (v.);

kriyā 
1. Designa una qualsiasi attività produttrice attuata durante lo stato di veglia; 
2. Messa in opera del rituale; 
3. Tecnica rituale;

kriyākārakaphalabhāva 
Relazione tra azione, agente dell’azione e risultato dell’azione;

kriyāmana karman 
Il prārabdha (v.) quando passa dalla potenza all’atto e che così s’esaurisce;

kṛtānta 
Pulsione proveniente dal karma passato, destino;

Kriyāyoga 
Metodo iniziatico che si basa su azioni rituali fondate su oggetti esterni o simbolici su cui meditare, come templi, sculture, dipinti o altro ancora. Fa parte del Karma yoga;

krodha 
L’ira;

kṛtākṛtya 
Ciò che è come deve essere e non è come non deve essere; completo, soddisfatto;

kṣaṇa 
Istante, momento; la più piccola misura di tempo;

kṣara 
Transeunte, in divenire, perituro;

kṣatriya 
Appartenente alla casta guerriera o aristocratica;

kṣetra 
Il campo ossia l’anātman;

kṣetrajñā 
Il conoscitore del campo ossia l’Ātman;

kṣobha 
Agitazione, frenesia;

kumāra 
1. Giovinetto; 
2. Principe;

kuṇḍalinī 
L’inanellata, la coscienza individuale arrotolata come un serpente alla base della colonna vertebrale;

kuṭa 
Monte, fortezza, albero possente;

kutarka 
Logica ingannevole, sofisma; sinonimo di śuṣka tarka (v.);

kūṭastha 
Incrollabile, stabile, immobile come una montagna;

 

– L –

 

lābha 
Realizzazione spirituale;

lajjā 
Pudore, vergogna;

lakṣana 
Caratteristica;

lakṣaṇā 
Descrizione metaforica;

lakṣya 
Oggetto su cui concentrarsi, meta o obiettivo da raggiungere con la meditazione;

laukika daihika karma 
Attività profana compiuta con il corpo;

laukika jñāna 
Conoscenza profana, scienza empirica;

laukika karma 
Azione mondana;

laukika mānasa karma 
Il pensiero profano;

laukika vācika karma 
Il discorso profano;

laukika vyavahāra 
1. La dimensione mondana ed empirica, indagabile tramite i sensi e la mente;
2. Il dominio profano;

laya 
1. La dissoluzione dell’attenzione, l’assopimento che può cogliere chi sta contemplando;
2. Soluzione, scioglimento, si usa soprattutto a livello microcosmico; corrisponde al solve degli alchimisti;
3. Ciò che nasconde o fa sparire;

Layayoga 
Il metodo dissolvente, usato per sciogliere la fiducia nelle apparenze contingenti. Fa parte del Karma yoga;

līlā (O krīḍā
1. Gioco, divertimento;
2. Attività priva di attaccamento;

liṅga 
1. Simbolo;
2. Sottile, psichico;
3. Principale mūrti aniconica di Śiva;

liṅga śarīra 
Corpo sottile, somma delle modalità psichiche dell’individuo;

loka (Lat. locus
1. Un mondo o grado d’esistenza; 
2. Può essere usato per determinare parti di un singolo grado d’esistenza (v. tailokya) oppure per “luoghi” ancora più ristretti appartenenti a un settore dello stesso mondo;

lokāyata 
Mondano, cārvāka (v.);

 

– M –

 

madhu 
1. Miele, simbolo del soma e dell’amṛta;
2. Liquore d’immortalità;

madhu vidyā 
La scienza del miele, la scienza dell’immortalità;

madhyamādhikārin 
Iniziati dotati di qualifiche mediane;

mahābhūta 
1. Per il Vedānta sono i principi sottili dei cinque bhūta grossolani, ciò che il Sāṃkhya chiama tanmātra (v.);
2. Per il Sāṃkhya sono invece ciò che il Vedānta chiama semplicemente bhūta;

Mahān Ātman 
L’Ātman grande, la Buddhi cosmicaHiraṇyagarbha;

mahānidrā 
Il grande sogno, il saṃsāra; L’universo come “sogno” di Hiraṇyagarbha;

mahāpralaya 
Grande dissoluzione, diluvio di fuoco e acqua che mette fine a un kalpa (vedi pratisarga) o, in teoria, all’intera manifestazione universale (vedi prakṛtasarga);

mahāsupti 
Il grande sonno;

mahātmā 
Funzione cosmica dell’intelligenza universale (Hiraṇyagarbha);

mahat 
Sinonimo di buddhi (v.);

mahāvākya 
Lett. “Grande Detto”, quattro frasi sintetiche che contengono l’intero insegnamento vedāntico;

mahāvīrya 
Grande eroe, personaggio eccezionale;

mallayuddha 
Arte marziale;

mama 
Ciò che è “mio”, la proprietà dell’“io”;

mamaka 
V. mama;

mamakāra 
Chi estende il suo egoismo agli oggetti esterni;

mamatā 
1. Il senso del “mio”;
2. l’idea di proprietà come desiderio di espansione dell’aham (v.);
3. avidità;

manana 
La riflessione metodica del Vedānta;

manas 
La mente che sovrintende alle facoltà di sensazione e azione, che registra le sensazioni di sukha, piacere, e duḥkha, sofferenza, e che reagisce a esse con rāga, attrazione e dveṣa, repulsione;

mānasa kriyā (O mānasa karma)
Azione mentale; concentrazione della mente in meditazione;

mānasa pratyakṣa 
Lett. “Percezione mentale”, l’intuizione mentale;

manasarga 
Costruzione mentale, immaginazione creatrice;

mānasa vṛtti 
Modificazione mentale, pensiero;

mānasika 
Aggettivo di mente, mentale;

mānavadharma 
Il dharma umano in armonia con l’ordine cosmico;

maṇḍala 
1. Circolo, circonferenza;
2. Diagramma circolare racchiudente uno yantra usato come supporto di meditazione;

maṅgala 
Fausto, di buon auspicio;

manogocara 
Concepibile dalla mente;

manomaya kośa 
L’involucro di Ātman fatto di mente;

Manonigraha yoga 
La via del controllo della mente, sinonimo di Adhyātma;

manovijñāna 
Le scienze che studiano il funzionamento della mente e dei sentimenti;

mantra 
Formula o “incantesimo” da pronunciare, da sussurrare o da pensare, che si deve ripetere durante la meditazione;

Mantrayoga (O Sphoṭayoga)
Metodo per riconoscere che al di là del mondo contingente c’è un essere assoluto. Fa parte del Karma yoga;

mantrayantra, tantra 
I tre strumenti usati come metodo nelle vie della conoscenza non suprema: l’“incantazione”, la cosmografia, la meditazione;

Manu 
Colui che pensa, l’uomo archetipale, il primo uomo, la specie umana, l’uomo primordiale;

manuṣa 
L’uomo come essere pensante, dotato di manas (v.);

manuṣya 
Umano, appartenente all’uomo come essere pensante;

manuṣyajāti 
La nascita umana;

mānuṣaloka (O bhūloka, la terra)
Il nostro grado d’esistenza caratterizzato dalla presenza dell’uomo;

manuṣya rākṣasa 
Demoni umani, agenti della contro-iniziazione;

manvantara 
L’era di un Manu, il ciclo d’esistenza d’una umanità;

maraṇa-kāla 
Il momento della morte;

mārga 
1. Pista di orme, via, sentiero;
2. La via iniziatica;

mastiṣka 
Il cervello, l’organo corporeo utilizzato dalla mente, intelletto e memoria (antaḥkāraṇav.);

maṭha 
Eremitaggio, luogo di raccolta di sādhaka (v.);

mātṛkā 
1. Metro di misura;
2. Segno grafico sillabico del sanscrito;
3. Madre;

mauna 
1. Silenzio, inesprimibile;
2. Fase di contemplazione o nididhyāsana;
3. Grado di muni, in cui si supera la funzione magistrale di guru e si fa il voto del silenzio;

Māyā 
L’illusione, la potenza del Brahman di far apparire la manifestazione; sinonimo di śakti prakṛti;

Māyāvin 
L’illusionista;

māyika 
Prodotto dalla Māyā; illusorio;

Mīmāṃsā 
Esame; il termine si applica alla Pūrva Mīmāṃsā e al Vedānta o Uttara Mīmāṃsā;

mīmāṃsaka 
Aggettivo che si riferisce alla Pūrva Mīmāṃsā;

mithyā 
Sinonimo di bhrama (v.);

mithyā abhimāna 
Falsa identificazione;

moha 
Illusione, inganno, sinonimo di Māyā (v.);

mohana 
Illusorio, ingannevole;

mokṣa (o mukti)
La Liberazione dall’ignoranza e dalla ronda delle rinascite nel saṃsara;

mokṣa sampatti

Realizzazione della Liberazione;

mṛg 
Seguire le orme d’una fiera, seguire l’insegnamento e l’esperienza del proprio guru;

mṛga 
Animale selvatico, una fiera, un’antilope;

mṛtyor mṛtyuḥ 
La Morte che uccide la morte, la morte iniziatica;

mudrā 
1. Gesti simbolici delle mani;
2. Grano arrostito, uno dei pañcamakāra del Tantrismo (v.);

mukha 
Bocca, capo, parte superiore;

mukhya kaivalya 
La solitudine più elevata, la Liberazione;

mukhya mukti 
La Liberazione suprema;

mukta 
Il liberato;

mukti 
Sinonimo di mokṣa (v.);

mūlabhāṣya 
Commentario fondamentale;

mūlāvidyā 
Ignoranza-radice, suppostamente eterna e sostanziale;

mūlāvidyāvāda 
Dottrina deviata di Vedānta che sostiene l’esistenza di una ignoranza-radicale eterna e sostanziale;

mūlāvidyāvādin 
Sostenitore della teoria della mūlāvidyā;

mumukṣā 
Desiderio ardente di ottenere il mokṣa;

mumukṣu 
Chi aspira alla Liberazione, mokṣa

mumukṣutva 
La situazione interiore di chi desidera ottenere il mokṣa

muni 
Iniziato che mantiene il voto del silenzio (vmauna);

mūṣaka 
Topo, la cavalcatura di Gaṇeśa;

 

– N –

 

nāda 
Suono;

nāḍī 
Fiumi, canali, arterie sottili situate nel corpo. Le principali sono: IḍāPiṅgalāSuṣumṇā;

nāga 
1. Un cobra, un serpente;
2. Una categoria di semidei

niḥśreyasa 
La felicità incomparabile;

naisarga 
Innato, naturale;

naiśkarmya 
Privo di karma

naiyāyika 
Logico, esponente del Nyāya darśana (v.);

nāma 
1. Il nome come qualificativo individuale;
2. Un nome divino come mantra;

nāma-rūpa 
1. Il binomio “nome” e “forma” intesi come proiezioni della causa efficiente e della causa sostanziale all’interno della manifestazione;
2. Strumenti illusionistici della Māyā;

nāmarūpavat 
Formale, individuale;

nāra 
L’essere umano dal punto di vista corporeo, appartenente alla specie umana, corrispettivo di Viraṭ nel Macrocosmo;

nāstika 
Chi nega l’esistenza del Brahman-Ātman;

Navīna Nyāya 
Il nuovo Nyāya (v.) d’epoca medievale, logica più speculativa e sofistica dell’antica;

naraka 
Inferno, la parte più bassa del pitṛloka (v.), luogo dove i dannati passano il resto della loro esistenza individuale prima trasmigrare;

nārya jāti 
La specie umana;

naśa 
Distruzione, rimozione;

nāstikavāda 
Dottrina che nega l’esistenza d’un Principio assoluto, talora erroneamente tradotta con “eterodossia” o “eresia”;

neti neti 
“Né questo né questo” (BU IV. 2. 4), formula per discriminare (vivekavijñānaĀtman da anātman;

nidrā 
1. L’assopimento, stato mentale crepuscolare tra veglia e sogno;
2. L’errore che consiste nell’addormentarsi durante la contemplazione;
3. Per lo Yoga è la condizione di rilassamento e d’assenza di pensieri provato durante la pratica del saṃyama (v.) come esperienza di vacuità (tamasśūnya, vv.) dell’organo interno;
4. Nel Vedāntanidrā con sogni è svāpna, senza sogni è suṣupti;

nididhyāsana (O adhyātma yoga)
Contemplazione, attenzione contemplativa, meditazione profonda, uno dei mezzi per raggiungere la Liberazione dall’ignoranza e riconoscere la propria identità con il Brahman;

nimitta kāraṇa 
Causa efficiente;

nirākāra 
Senza forma, informale;

nirapekṣa 
Privo di relazioni;

nirguṇa 
Privo di qualità e di attributi;

nirguṇatā 
Assenza di qualità;

nirodha 
Distruzione, rimozione;

nirṛti 
Caos primordiale, ignoranza, la Prakṛti del Sāṃkhya;

nirupādhika 
Privo di upādhi (v.);

nirvāṇa 
Lett. spegnimento; esaurimento, superamento dell’individualità;

nirvikalpa samādhi 
Unione senza differenza; per lo Yoga darśana la “fusione” yogica tra lo yogi e Īśvara;

nirvikāra 
Immutabile;

nirviśeṣa 
Privo di caratteristiche o distinzioni, indifferenziato;

niścaya 
Risoluzione, decisione, certezza;

niśedha 
Proibizione, interdizione;

niśkala 
Indivisibile;

niṣkāraṇa 
Senza ragione, senza motivo;

niśprapañca 
Realtà priva del mondo;

nitya 
Immutabile, eterno;

nityajaḍa 
Perennemente insenziente;

nityamaya 
 Oggetto di natura perenne o permanente;

nityamukta 
Eternamente libero;

nityānitya 
Le cose eterne e quelle mutevoli;

nityaśas śuddha 
Eternamente puro;

nitya, śuddha, buddha, mukta sambhava 
Esistenza eterna, pura, cosciente, libera;

nivṛtti 
1. Rimozione, correzione d’un errore;
2. Vita di rinuncia o contemplativa ;

niyama 
Restrizione, secondo “membro” dello Yoga darśana; insieme delle regole per raffrenare le facoltà d’azione;

Nyāya 
Lett. “la Regola”; il darśana della logica;

nyāyasambaddha
Che riguarda la logica;

niyoga 
Necessario, imprescindibile, obbligatorio;

niyukta 
Obbligatorio;

 

– O –

 

Oṃkāra upāsana 
Meditazione sul monosillabo sacro Oṃ;

 

– P –

 

pāda 
Piede, quarto, i quattro pāda di Ātman sono le tre avasthā più Turīya (v.);

pada 
Parola;

padārtha 
Oggetto che è descrivibile con una parola;

pākṣapāta 
Privo di pregiudizi;

pāna 
Bevanda, liquido; 

pañcāgni vidyā 
La conoscenza dei cinque fuochi, scienza iniziatica upaniṣadica che insegna come ottenere una rinascita migliore con mezzi sacrificali;

pañcakośa vicāra 
Discussione vedāntica sulla irrealtà dei cinque kośa;

pañcamakāra 
Le cinque “M”, azioni rituali del Tantrismo della mano sinistra, proibite dalla tradizione vedica: madya, assunzione di alcolici, māṃsa, mangiare carne, matsya, mangiare pesce, mudrā, mangiare grano arrostito, maithuna, accoppiamento. Il Tantrismo della “mano destra” interpreta i pañcamakāra in forma simbolica;

pañcaprakriyā 
Le cinque applicazioni del metodo adhyāropāpavāda

pañcaratnam 
Cinque gioielli; 

paṇḍita 
1. Erudito in un ramo del sapere tradizionale;
2. Chi insegna la dottrina per delega del guru;
3. Il saṃnyāsin che ha realizzato pāṇḍitya (v.);

pāṇḍitya 
1. La funzione dell’insegnamento;
2. Fase d’istruzione ricevuta da un guru corrispondente a śrāvaṇa;

pāṇḍitya-bālya-mauna 
Le tre fasi di istruzione, riflessione e contemplazione del saṃnyāsin

panth 
1. Procedere;
2. Il percorso iniziatico; 

pāntha (O pānthin)
Chi sta percorrendo la via iniziatica; 

pāpa 
Colpa, atto riprovevole; 

pāparahitatva 
Assenza di colpa; 

Parabrahman 
Il Brahman Supremo, l’Assoluto, chiamato talvolta Brahman nirguṇa, privo di qualità, o Kāraṇa Brahman, la causa (del Kārya Brahman) quando paragonato all’apparente realtà del non Supremo; 

Parabrahma vidyā (O, semplicemente, Brahma vidyā)
La conoscenza del Supremo, l’Advaita Vedānta

paralaukika 
Ultramondano;

paraloka 
Un mondo superiore, l’altro mondo;

paramadeśa 
La contrada suprema;

paramaguru 
Il maestro del guru, il penultimo nella paramparā (v.);

paramahaṃsa 
1. Il cigno supremo o l’oca selvatica suprema;
2. L’ordine più elevato di saṃnyāsin;
3. il jīvanmukta;

paramāṇukāraṇa vāda 
Teoria della cosmogonia atomistica;

paramārtha 
Metafisica, l’Assoluto;

pāramārthika 
Aggettivazione di paramārtha, metafisico, che appartiene al domino assoluto;

pāramārtika sattā 
La realtà metafisica;

pāramārtika siddhānta 
La dottrina metafisica;

pāramārtika vidyā 
Conoscenza metafisica;

Paramaśiva 
Lo Śiva supremo, il Brahman;

paramaśreya 
La beatitudine suprema;

Paramātman 
L’Ātman supremo, identico al Brahman;

parameṣṭhi guru 
Il maestro del paramaguru (v.);

Parameśvara 
Il Signore supremo, il Brahman;

paramparā 
Trasmissione spirituale, catena iniziatica che si trasmette ininterrottamente dai guru ai discepoli nel corso dei secoli;

paramsiddhānta 
Dottrina suprema, la Brahma Vidyā;

parāṇi 
Guida, conduttore;

paranātha satya 
Assolutamente e metafisicamente reale;

paranirvāna 
Lo spegnimento supremo, la Liberazione finale dal ciclo della trasmigrazione, l’ottenimento del mokṣa;

pararahasya 
Mistero maggiore, la dottrina delle Upaniṣad;

paratantra 
Dipendente da qualcosa; contrario di svatantra (v.);

paratantrābhi saṃvṛti 
Teoria che dipende da un presupposto errato;

paravidyā 
La Conoscenza suprema, sinonimo di Parabrahma vidyā (v.);

paricchinna 
Diviso, limitato, interrotto;

pariṇāma 
Mutamento, trasformazione, cambiamento, alterazione;

pariṇāmi 
Soggetto a mutamento;

paripraśna

Porre la domanda, in base alla quale il guru controlla il livello di conoscenza del discepolo;

paripūrṇa 
Del tutto completo, pieno, colmo, perfetto;

parīta 
1. Avvolto, costretto, posseduto;
2. In preda all’ira;

pārṣada 
Accompagnatore, aiutante, ipostasi minore;

paryāśābda 
Sinonimo;

paryāvartaya 
Ripetizione metodica di mantra o di pensieri oggetti di meditazione;

pāśa 
Legame, cappio, guinzaglio;

paśu 
1. Esseri legati, tenuti a guinzaglio o con un cappio al collo, tutti gli esseri non liberati;
2. Gli animali domestici;
3. Le vittime sacrificali, che non sono mai animali selvatici (mṛgav.);
4. In linguaggio tantrico, i profani;

pātāla 
Mondi inferi, che si situano al di sotto del nostro mondo umano, dimore di titani o anti-dèi (asurav.), quali i nāga, i daitya, i dānava e altri;

Pātañjala yoga 
Lo Yoga darśana fondato da Patañjali;

pātañjala yogi 
sādhaka che seguono lo Yoga darśana;

pathin (O paṅth in hiṅdī)
Sentiero, via iniziatica, sinonimo di mārga;

phala 
1. Lett. frutto;
2. Risultato, effetto;

pīḍā kāla 
Il tempo dell’eclissi;

piṇḍa 
1. Seme;
2. Palline di riso offerte come cibo ai defunti;

piṇḍa avasthā 
Condizione seminale, esistenza prenatale in forma inattiva in attesa di assumere un corpo;

Piṅgalā 
Una arteria sottile posta nella parte destra del corpo;

piśāca 
Larva, anima in pena, chi non riesce ad avere esequie regolari e non può perciò passare allo stadio prima di preta e poi di pitṛ;

pīṭha 
Sede, seggio, centro d’una organizzazione iniziatica;

pitṛ 
L’antenato, il defunto;

pitṛ avasthā 
Esistenza postuma in cui si fruisce passivamente dei risultati del karma positivo o negativo compiuto in vita;

pitṛloka 
Il mondo dei defunti, regno di Yama, collocato subito sotto il cielo della luna;

pitṛyāṇa 
Il sentiero degli antenati, la via postuma che conduce al cielo della Luna i sādhaka privi di conoscenza;

pitta 
La bile del tridoṣa;

prabhu 
Potente, Signore, attributo di Īśvara;

Prācīna Nyāya 
Il Nyāya (v.) più antico; la logica più fedele ai testi sacri;

pradakṣiṇa 
Circoambulazione sacra in senso orario;

Pradhāna 
1. Lett. “il Primo” (tattva) sinonimo di prakṛti (v.);
2. Fondamento;

prāgabhāva 
Assenza d’un essere o d’un oggetto prima della sua manifestazione;

prajā 
1. Il suddito di un Rājan;
2. Un essere manifestato;

Prajāpati 
Il Signore degli esseri manifestati, il Signore dei sudditi, personificazione di Hiraṇyagarbha;

Prājña 
1. La Coscienza, come è chiamato l’Ātman in stato di sonno profondo; 2. Il Sāṣkin;

prājñakriyā 
Azione intellettuale, intellezione;

prajñāna 
Coscienza-conoscenza;

prajñānaghanam 
Coscienza omogenea, insieme indifferenziato di coscienza, come appare suṣupti avasthā all’ignorante durante l’ordinaria esperienza notturna;

prājñānam Brahma 
Il Mahāvākya: “Brahman è Coscienza-conoscenza” (AiU III. 3);

Prājña-suṣupta 
Agglomerato indifferenziato di coscienza, il Sākṣin;

prakaraṇa 
Prodotto, discussione, trattato

prakāśi anubhāva 
L’intuizione illuminante, l’Illuminazione;

prakriyā 
Metodo iniziatico operativo, tecnica metodica;

Prakṛti (o Pradhāna
1. Per il Sāṃkhya è la sostanza universale, incosciente e caotica che manifesta i tattva;
2. Per l’Advaitavāda essa è invece sinonimo di śakti e di Māyā;

prākṛtika

Naturale, sostanziale, della natura di Prākṛti;

prakṛtabandha 
Limitazioni, legami prodotti da prakṛti;

prakṛtasarga 
Nella smṛti è la dissoluzione dell’intera manifestazione universale comprendente tutta la catena dei mondi, che rientra nella sua causa sostanziale, la prakṛti;

pralaya 
Dissoluzione dell’universo; il riassorbimento dei prapāñca nel Brahman alla fine di un ciclo cosmico (v. saṃhāra);

pramā 
Ciò che è stato provato per mezzo dei pramāṇa (v.);

pramāṇa 
Strumenti o mezzi riconosciuti di valida conoscenza, cioè: pratyakṣa, la percezione sensoria; anumāna, la deduzione o inferenza; upamāna, la comparazione; arthāpatti, la supposizione o l’ipotesi; anupalabdhi, la constatazione dell’assenza d’un oggetto; śabda, la parola del maestro ossia le Upaniṣad;

pramāṇa tarka 
Logica aderente alla realtà sperimentata, logica che utilizza i pramāṇa, perciò affidabile;

prāmāṇika 
Una cosa conosciuta, provata dai pramāṇa;

prāmāṇya 
Provato, accertato, autorevole;

parampuruṣārtha 
Il fine ultimo dell’uomo, la mukti;

pramātṛ (O pramātā)
Colui che compie una ricerca basata sui pramāṇa; un conoscitore di oggetti;

prāmatṛtva 
Conoscenza empirica, azione conoscitiva;

pramātṛ viṣayin 
Soggetto investigatore;

prameya 
Cosa conoscibile per mezzo dei pramāṇa;

prāṇa 
1. (O vāyu) Soffio, vento; il soffio animatore del corpo grosso; ciò che collega la psiche (antaḥkāraṇa, lo strumento interno, v.) con il corpo affinché agisca;
2. Le cinque modificazioni del prāṇa o funzioni agenti corporee;
3. L’aria che si respira;

prāṇaapānavyaṇaudānasamāna 
I cinque soffi vitali, modificazioni dell’unico prāṇa  (prāṇavṛttiv.);

prāṇomaya kośa 
L’involucro di Ātman fatto di soffio vitale;

prāṇaśakti 
Le differenti funzioni animanti dei cinque soffi vitali (prāṇaapāna ecc., v.);

praṇava 
Il monosillabo Oṃ;

prāṇavṛtti 
(O prāṇabheda) modificazioni del soffio vitale (prāṇa, v.);

prāṇāyāma 
Il quarto “membro” dello Yoga darśana; il controllo dei prāṇa;

prapāñca 
Il mondo fatto di cinque componenti; termine che designa il mondo esterno di veglia o il mondo interiore di sogno;

prapañcopaśama 
Incontaminato dal mondo;

prārabdha karma 
Risultati del karma che procedono da esistenze precedenti, che condizionano l’attuale nascita e lo sviluppo di questa vita;

prasaṃkhyāna 
Raccoglimento interiore, concentrazione interna;

prasaṃkhyānavāda 
Dottrina deviata di Vedānta che sostiene il metodo meditativo;

prasaṃkhyānavādin 
Seguaci del prasaṃkhyānavāda (v.);

prasaṅgin 
Secondario, contingente, relativo;

prasiddhānubhāva 
L’intuizione o esperienza di esistere e di essere cosciente;

prasthāna 
Corrente dottrinale;

Prasthāna Traya 
Le “tre fonti” i tre testi fondamentali del VedāntaUpaniṣadBhagavad Gītā Brahma Sūtra;

prasthāva 
Introduzione;

pratibhā 
Falsa apparenza;

prātibhāsika satya 
Realtà apparente;

pratibimbavāda 
Dottrina del riflesso, sinonimo di abhāsavāda (v.);

pratīka 
Simbolo;

prātipathika 
Transeunte, provvisorio, fatuo;

pratisarga 
Nella smṛti è la dissoluzione di un ciclo cosmico attraverso una carestia seguita da un diluvio di fuoco, spento poi da uno d’acqua;

pratithi 
Apparenza;

pratyagātman 
Che concerne l’Ātman;

pratyāhāra 
Quinto “membro” dello Yoga darśana che consiste nel distaccare e ritrarre la mente dal desiderio degli oggetti esterni;

pratyakṣa 
Percezione sensoriale; uno dei mezzi riconosciuti validi per la conoscenza (pramāṇa, v.);

pratyakṣānubhava 
Intuizione sensoriale;

prayatna 
Sforzo, impegno;

pratyaya 
Pensiero, idea, concezione;

pratyaya anubhava 
Esperienza cognitiva, intuizione intellettuale;

pravaha nitya 
Flusso temporale continuo, perennità, perpetuità;

pravartaka 
Esortativo, incitante;

pravhanna māyāvādin 
Cripto-buddhista;

pravilaya 
Scioglimento, dissoluzione;

pravṛtti 
Vita attiva mondana;

preta 
Il “viaggiatore”, condizione dell’anima del defunto prima di diventare un antenato o pitṛ;

pṛthivī 
1. La nostra terra o la divinità che la regge;
2. L’elemento grosso terra;

punarbhāva 
Nuova esistenza; trasmigrazione nel flusso del divenire;

punarjanma 
Rinascita a un nuovo stato dell’essere in un diverso loka; rinascita per trasmigrazione nel saṃsāra;

punarjīvātu
Le prossime vite;

punarmṛtyu 
La ri-morte alla fine d’una prossima vita;

puṇya 
Risultato d’un atto meritorio, virtuoso;

purā 
Cittadella, fortezza;

purāṇa 
1. Antico;
2. Un genere di testo sacro della smṛti;

pūrṇa 
Colmo, pieno, completo, perfetto;

pūrṇa paramatattva 
Pienezza del Principio Supremo;

puruṣa 
Lett. “Abitante della cittadella” (pura); 
1. Il Sé che dimora nel cuore;
2. L’essere umano nella sua totalità;
3. La persona che appare sotto forma d’individuo umano;

Puruṣa 
1. Il Brahmanātman;
2. Nel dualismo del Sāṃkhya il principio essenziale della manifestazione correlato alla sostanza Prakṛti;

puruṣamedha 
Sacrificio primordiale del Puruṣa, sacrificio della propria individualità, simbolicamente ‘sacrificio umano’;

puruṣārtha 
I fini della vita dell’uomo, kāmaarthadharma mokṣa;

Puruṣottama 
Il Puruṣa supremo, l’Essere supremo, Paramātmā;

Pūrva Mīmāṃsā 
Lett. “Primo esame”; darśana che si appoggia alla sezione rituale (karma khaṇḍa) del Veda al fine di raggiungere il mokṣa in una prossima esistenza; scienza iniziatica del rituale sacrificale vedico;

pūrvapakṣin 
Chi parla per primo ponendo un’obiezione, un oppositore;

 

– R –

 

rāga 
Attrazione;

rajas 
1. Guṇa della Prakṛti che indica una tendenza all’espansione orizzontale, verso l’attività e la frenesia;
2. Rosso, sangue;

rājasa 
Pertinente a rajas;

rājasūya 
1. Il rito di consacrazione regale;
2. L’iniziazione regale;

Rājayoga 
Metodo iniziatico che si basa sulla meditazione di azioni rituali interiorizzate. Appartiene al livello del Bhakti yoga;

rājya 
La regalità;

rakṣa 
Vegliante, guardiano;

rākṣasa 
Lett. Vigilante;
1. Categoria demònica di yakṣa;
2. Diavoli che popolano le cavità infernali della nostra terra;
3. Demoni sotto forma umana, sudditi di Rāvaṇa, che combattono contro il dharma e che tentarono la conquista del trimundio;

rākṣasa-avatāra 
Demoni incarnati, rappresentanti della contro-iniziazione;

rākṣasa dharma 
Contro-tradizione;

rākṣasa sādhanā 
Contro-iniziazione;

rakta 
Rosso, sangue, sinonimo di rajas (v.); 

rasa līlā 
Il gioco divino di Kṛṣṇa con le pastorelle; 

rasanā 
Il senso del gusto;

rasāsvāda 
L’errore dell’autocompiacimento durante la pratica della contemplazione;

rasavidyā 
L’alchimia indiana;

ratha 
Carro da guerra;

rathin 
Auriga, cocchiere;

ṛṣi 
Veggenti che riescono a “udire” le vibrazioni sonore primordiali, trasmettendone l’insegnamento;

ṛta 
Sacro, azione sacra, rito;

ṛtu 
Ordine sacro del cosmo;

ṛtukāla 
Il giusto tempo, il momento dovuto, la pienezza dei tempi;

ṛtvij 
Sacerdote ritualista che affianca lo yajamāna per compiere il sacrificio;

rūḍhi 
Convenzionale, di uso comune;

rūpa 
1. Assieme a nāma è strumento illusorio della Māyā;
2. Forma come limite che separa gli individui tra loro;
3. Situazione o condizione;
4. Il senso della vista;

rūpavadbhāva 
Esistenza formale, individuale;

 

– S –

 

śabda 
Il più autorevole tra i pramāṇa, vale a dire il Veda. Per il Vedānta sono le Upaniṣad;

śabdabrahman 
1. Il Verbo divino, il Brahman inteso come vibrazione primordiale; 2. Il Veda; 

śabdavidyā 
La scienza della corretta articolazione delle parole;

śābdika 
Aggettivo di śabda; orale, verbale;

saccidānanda 
Trinomio che sintetizza le tre qualità universali di Īśvara, ovvero sat, essere, cit, coscienza, ānanda, beatitudine; 

saccidānanda svarūpa 
Ciò che è della natura di satcit ānanda, ovvero essenza, coscienza e beatitudine;

sācīkṛta 
Pregiudizio; 

sadasadvilakṣaṇa 
Differente dalla realtà e dalla non realtà; 

Sadāśiva 
Nome di Śiva che significa ‘sempre benevolo’;

sadguru 
1. Il vero maestro, il guru interiore, l’Ātman;
2. Un guru realizzato che è realmente identificato al guru interiore; 

sādhaka 
Iniziato (dīkṣitav.) che sta procedendo nella sādhanā (v.); 

sādhana 
1. Il metodo iniziatico;
2. La pratica del metodo e delle varie tecniche ingiunte o insegnate da un guru;
3. La via interiore su cui si deve procedere;

sādhanā 
Sinonimo al femminile di sādhana (v.);

sādhana catuṣṭaya 
Il quadruplice metodo, sinonimo di sādhana saṃpat (v.); 

sādhana mārgā 
La via iniziatica; 

sādhana pradhāna 
Il metodo che usa la meditazione su simboli, su oggetti manifestati; 

sādhana saṃpat 
Il metodo “perfetto” del Vedānta; 

sādhanī prakriyā

Riti o tecniche iniziatiche;

sādhu 
1. Chi ha concluso la sādhanā;
2. Sant’uomo, indica l’asceta noto per aver avanzato nella pratica del sādhana;
3. Termine generico per definire un rinunciante; 

sādhubhāṣā 
Linguaggio simbolico, gergo usato tra iniziati;

sādhukṛtya 
Rituali interiorizzati; 

sadrūpa 
La reale natura; 

sadyomukti 
Liberazione immediata; 

saguṇa 
Qualificato, provvisto d’attributi; 

sahaja 
1. Generato dalla propria vera natura, spontaneo;
2. Realizzazione che emerge spontaneamente senza sforzo personale; 

sāhajikatva 
La propria vera natura; 

sahopalambha niyama 
Presunta “legge sull’atemporalità dell’azione conoscitiva” sostenuta da alcuni esponenti della Pūrva Mīmāṃsā; 

śaiva 
Śivaita, seguace di Śiva;

śaka 
Scita;

sakala 
Divisibile;

sākāra 
Provvisto di forma, formale;

sakaṣāya (O kaṣāya)
L’errore dell’ottundimento provocato dalla noia durante la pratica della contemplazione;

śākta 
1. Seguace della Dèa;
2. Iniziato a una via śākta;

śākha 
Setta, scisma, apostasia, eresia;

śākhā 
Sottoscuole vediche, rami del Veda a tendenza deviante;

sākṣānubhava 
L’esperienza del Sākṣin (v.);

sākṣātkāra 
Realizzazione diretta;

sākṣāt sādhana 
Il metodo della testimonianza diretta; il metodo del Vedānta;

sākṣimat 
1. Testimonianza;
2. Ciò di cui il Sakṣin (v.) è Testimone;

Sakṣin 
Lett. “Testimone oculare”;
1. Testimone diretto, il Brahmātman in quanto osserva i tre stati senza esserne coinvolto;
2. La propria vera natura, svarūpa, corrispondente a suṣupti;

sākṣivedya 
Ciò che è conosciuto o testimoniato dal Sakṣin;

śakti 
1. Potenza;
2. la Dèa paredra del dio Śiva;

śaktimārga 
Via iniziatica tantrica che usa per metodo la potenza realizzativa della Dèa;

śaktipāta 
Nel linguaggio tantrico è l’influenza spirituale trasmessa dall’iniziazione;

śaktipatha 
1. Trasferimento transitorio di poteri (siddhi) o accesso a una visione o rivelazione (darśanauddyotav.) da un iniziato a un profano;
2. Un caso particolare di āveśa (v.);

śālagrāma 
Ammonite fossile, forma grossolana del cakra di Viṣṇu;

sālambana 
Relativo a un particolare esercizio o tecnica mentale;

śama 
Pacificazione, tranquillità, controllo;

samādhāna 
Equilibrio mentale; risposta a un quesito in modo da mettere a posto le idee;

samādhi 
Lett. congiunzione di due esseri;
1. Transe o estasi, stato di veglia in cui la coscienza individuale è assente;
2. Il più elevato grado dello Yoga darśana;
3. A seconda del contesto, nel Vedānta può significare: a) la buddhi; b) il Sé; c) l’identità del Sé e del Brahman;

samakāla 
Istantaneo, simultaneo;

sāmānya 
Universale;

sāmānya-viśeṣa sambandha 
Relazione tra particolare e universale;

sāmānya-viśeṣa vicāra 
Discussione sulla reintegrazione del particolare nell’universale;

samaṣṭa sattā 
L’Essere Totale;

samaṣṭi 
1. L’Universale;
2. Il Macrocosmo;

Sāma Veda 
Mantra vedici cantati durante i sacrifici;

samavāyin 
Aggregato, integrato;

saṃbhava 
Co-esistenza, associazione, convivenza

Śambhu 
Nome di Śiva che significa ‘Colui che dispensa felicità’;

saṃcita karma 
Azioni accumulate, l’insieme di tutte le azioni compiute nel corso delle esistenze precedenti;

saṃdhi 
Unione, punto di giunzione e di separazione tra due diversi dominî;

saṃdhyā 
Giunzione e separazione;

saṃhāra (O pralaya)
Riassorbimento o dissoluzione del mondo manifestato;

Saṃhitā 
mantra o inni vedici cantati, declamati o recitati durante i sacrifici;

saṃjīvan 
1. Resurrezione;
2. Rinascita spirituale dopo la morte iniziatica;

śaṃkha 
Strumento a fiato sacro a Viṣṇu tratto da una conchiglia;

śaṃkā (O sandeha)
Il dubbio;

saṃkalpa 
Volontà, intenzione espressa per indirizzare un rituale saṃkalpa; decisione, proposito;

Sāṃkhya 
Lett. “Numerazione”; darśana dualista focalizzato sul processo della manifestazione; seguace del Sāṃkhya darśana;

Sāṃkhya yoga 
Nella Bhagavad Gītā rappresenta il metodo del Vedānta;

saṃnyāsa 
1. La riununcia al mondo duale;
2. Stato del saṃnyāsin (v.);

saṃnyāsin 
1. Rinunciante, chi è entrato nella quarta fase della vita da brāhmaṇa;
2. Nel Vedānta indica colui che ha abbandonato ogni dualità. In questo caso non appartiene più alla quarta fase della vita da brāhmaṇa, ma è considerato ativarṇāśrami (v.) al di là dell’ordine sociale delle caste e delle fasi della vita;

saṃpad 
1. Armonia, concordia;
2. la meditazione sul simbolo in cui ci si sforza a coglierne il significato;

saṃpat 
Completo, perfetto, ricco;

sampradāya 
Organizzazione iniziatica;

samprasāda 
Stato di quiete perfetta;

saṃsāra 
1. Il mondo manifestato in quanto luogo di trasmigrazione;
2. Le continue rinascite e ri-morti;

saṃsāradharma 
Caratteristica saṃsārica;

saṃsāri 
Un’anima trasmigrante;

saṃsāri anubhava 
Sinonimo di jīva anubhava (v.);

sāṃsārika upadhi 
Limitazioni prodotte dal saṃsāra;

saṃsāṛtva 
Condizione trasmigratoria;

saṃśaya 
Dubbio;

saṃskāra 
Lett. perfezionamento;
1. Rituali obbligatori che segnano la vita degli ārya dal concepimento alla morte;
2. Gli effetti del karma passato che si imprimono nell’individuo vivente segnandone le caratteristiche distintive;

Samuccayavāda

Dottrina che vuole associare karma e jñāna;

saṃvṛti 
1. Coprente, sovrapposto, che nasconde, sinonimo di adhyāsa (v.);
2. Falsa supposizione;

samyaga 
Corretto, certo;

samyag darśana 
Visione reale, unitaria;

saṃyaj jñāna 
Conoscenza o percezione corretta;

saṃyama
1. Concentrazione meditativa;
2. Nello Yogadarśana è la meditazione che comprende dhāraṇa, dhyāna e samādhi;

saṃyoga 
Fase in cui avviene l’unificazione di due cose o esseri;

saṃyukta 
Unito, associato;

Sanātana Dharma 
1. Tradizione o Legge permanente;
2. L’induismo o Hindū Dharma;

saṅga 
Assemblea, riunione di brāhmaṇa;

sānnidhyavāda 
Teoria del Sāṃkhya secondo la quale l’essenza provoca modificazioni della sostanza per prossimità o contiguità;

śānta 
Pacificato;

Śāntātman 
L’Ātman pacificato, ossia immutabile;

śānti 
1. La pace interiore;
2. Rito di pacificazione e accoglienza per un brāhmaṇa o un sādhu che chiede ospitalità;

śāpa 
Maledizione;

saprapañca 
Contaminato dal mondo;

sāra 
Prova, essenza eterna, punto fisso indiscutibile, certezza incrollabile;

sarva 
Tutto, il tutto;

sarvagatatva 
Stato di onnipervadenza;

sarvajña 
Onniscienza;

sarvakāraṇa aviṣayatva 
Al di là di ogni percezione; 

sarvakāraṇatva 
Causalità universale;

sarva loka prātyakṣika anubhava 
L’intuizione naturale condivisa da tutti di esistere ed essere cosciente;

sarvaloka prasiddhānubhava 
Omologo di sarva loka prātyakṣika anubhava (v.);

sarvāmaratva 
Immortalità effettiva, Liberazione;

sarvānubhāva 
L’intuizione universale del Tutto come l’Uno non duale;

sarvaśakta 
Onnipotente;

sarvasiddha 
Esistenza totale;

sarvasūkṣma 
La manifestazione sottile considerata come universale, cioè senza le divisioni prodotte da nome e forma. Sinonimo di sūkṣmāvasthā e di sūkṣmantara (v.);

sarvātmabhāva 
Lo stato di totalizzazione;

sarvātman 
L’Ātman universale, di tutti gli esseri;

sarvātmatva 
Totalizzazione dell’Essere;

sārvatrika 
Universale;

sārvatrika anubhava 
Esperienza intuitiva universale condivisa da tutti;

sarva vyavahāra atiṣṭhā 
Chi trascende l’intero vyavahāra, l’illuminato;

saśarīratva 
Corporeità;

Śāstra 
Lett. “recitazione”;
1. Ogni testo sacro;
2. Per il Vedānta le Upaniṣad;

śāstravihita 
Ciò che è sostenuto dalle scritture;

śāstrīya daihika karma 
Rito sacro compiuto con il corpo;

śāstrīya jñāna 
Conoscenza derivante dai testi sacri;

śāstrīya karma 
Azione sacra;

śāstrīya mānasa karma 
Il pensiero sacro;

śāstrīya vācika karma 
La parola sacra;

śāstrīya vidhi 
Imposizioni dettate dai testi;

śāstrīya vyavahāra 
La visione sacra del dominio empirico ottenuta tramite lo śāstra; sinonimo di vaidika vyavahāra (v.);

śāśvata 
Stabile, permanente;

sat 
1. Ciò che ha realtà;
2. Ciò che è presente (es.: “qui c’è un serpente”);

Sat 
1. L’Essere, Dio personale;
2. La qualità di “essere” nel trinomio saccidānanda;

satasat 
1. Reale e non reale allo stesso tempo;
2. Un oggetto presente e assente;

satkarma 
La corretta azione rituale;

satkārya vāda 
Teoria della preesistenza dell’effetto nella causa;

satsaṅga 
Vera assemblea, indica una concentrazione di sādhu e della loro comune influenza spirituale;

sattā (O satya)
Realtà esistente;

sattva 
Guṇa della Prakṛti che indica una tendenza verso l’alto, verso la purezza e conoscenza;

sāttva 
Pertinente a sattva;

satya 
v. sattā;

Satya 
La Vera realtà, il Brahman;

Satyaloka 
Sinonimo di Brahmaloka (v.);

satyam jñānam anantam Brahma 
Il Mahāvākya “Brahman è realtà, conoscenza e infinito” (TaiU II.1.1);

satyānṛte mithunīkṛtya 
Confondere il Reale con il non reale;

satya svarūpa 
La nostra propria natura di Essere;

satyatva buddhi 
Una realtà solamente teorica, un ens rationis;

savikalpa samādhi 
Per lo Yoga darśana è il samādhi con alterità tra contemplante e contemplato;

śāya 
Posizione supina;

śayāna 
Pacificato;

śeṣa 
1. Resto d’un sacrificio o residuo d’un mondo passato;
2. Cenere dell’incendio cosmico che ha distrutto un mondo;

Śeṣa 
Cobra dalle molteplici teste che galleggia sull’oceano primordiale. Su di esso riposa Viṣṇu-Narayaṇa e rappresenta la continuità del saṃsāra; personificazione mitica dello śeṣa (v.);

seva 
Chi presta servizio al guru o a Dio;

sevaka 
Servizio al guru o a Dio;

siddha 
Perfetto; nel Vedānta corrisponde a mukta (v.);

siddhānta 
1. La dottrina;
2. Un trattato di dottrina;

siddhānta pradhāna 
Dottrina preliminare a quella della conoscenza;

siddhi 
1. L’Essere come mèta;
2. I poteri ottenuti con la pratica di uno yoga sādhana;

siddhyā anugraha 
Influenza spirituale conferita tramite la dīkṣā;

śikhā 
Ciuffo di capelli che i brāhmaṇa portano sul capo rasato;

śikṣā 
La scienza della corretta pronuncia;

śiṣya 
Il discepolo d’un guru;

śiva 
Favorevole, propizio;

Śiva 
1. Ultima Realtà”, Īśvara, il Signore;
2. Il Benevolo, nome del Signore;
3. Il Dio trasformatore della Trimūrti;

Śivatva 
Lo stato d’identificazione con l’ultima Realtà;

Śivoham 
“Io sono Śiva”;

śloka 
Una strofe di un testo in poesia;

smaraṇa 
Ricordo;

smarta 
Appartenente alla smṛti;

smṛti 
1. Memoria;
2. Categoria di testi sacri che tramandano la memoria di antichi insegnamenti che si riferiscono alla śruti (v.), e meno autorevoli di quest’ultima, cioè SūtraPurāṇa Itihāsa;
3. Nel linguaggio vedāntico con smṛti s’intendono soprattutto la Bhagavad Gītā e i Brahma Sūtra;

śoka 
Sofferenza; frustrazione;

so’ham 
‘Quello sono io’ (ĪU 16), il cui anagramma è haṃsa (v.);

sparśa 
Il senso del tatto;

Sphoṭayoga 
Lo yoga che si basa sul suono o mantrayoga (v.) ;

śrāddha 
Rito di offerta di cibo agli antenati; da non confondere con śraddhā;

śraddhā 
1. Certezza interiore;
2. Ferma intenzione;
3. Energia o potenza prodotta dall’influenza iniziatica paragonabile all’enthusiasmos (ἐνθουσιασμός) dei misteri della Grecia antica;

śraddhā vedāntin 
Gli aspiranti al Vedānta;

śrauta 
Appartenente alla śruti;

śrauta tarka 
La logica che si basa sulla śruti (v.), lo śabda pramāṇa (v.);

śrāvaṇa 
L’ascolto dell’insegnamento di un maestro di Vedānta, il primo degli strumenti contemplativi per raggiungere la Liberazione dall’ignoranza e per riconoscersi identici al Brahmātman;

śreyas 
Favorevole, fausto;

Śrī Vidyā 
La conoscenza della Dèa, la più intellettuale delle scuole iniziatiche śākta, strettamente connessa con l’Advaita Vedānta;

śrotra 
Il senso dell’udito;

śrotṛ (O śrotā)
L’auditore;

sṛṣṭi 
Produzione, manifestazione del mondo;

sṛṣṭi-sthiti-saṃhāra vicāra 
Discussione sulla manifestazione, mantenimento e dissoluzione del mondo;

śruti 
Audizione, ascolto, il Veda composto da saṃhitābrāhmaṇaāraṇyakaupaniṣad;

sthāna 
1. Collocazione in uno stato, avasthā;
2. Stato o esperienza transitoria;

sthānatraya 
I primi tre stati o pāda di Ātman;

sthasya 
1. Identificazione con uno stato, avasthā;
2. Stato o esperienza permanente;
3. Nel Vedānta è sinonimo di mokṣa;

sthiti 
La conservazione o mantenimento del mondo manifestato;

sthūla dṛṣṭi 
Punto di vista grossolano;

sthūla śarīra (O deha)
Il corpo grossolano, pesante;

śubha karma 
Azioni virtuose che producono puṇya (v.);

śuddha caitanya 
Pura Coscienza, l’Ātman;

śuddhadhī 
Purificazione della mente, dell’intelletto;

śūdra 
Gli appartenenti alla casta più bassa;

sukalpa 
Qualificato, esperto;

sukha 
Il piacere;

sūkṣma śarīra (O liṅga śarīra)
Il corpo sottile, tutte le componenti sottili o psichiche dell’individualità;

sūkṣmantara 
Più sottile del sottile; al di là di nome e forma, sinonimo di sarvasūkṣma (v.);

sūkṣmāvasthā 
Lo stato di sogno, l’intera manifestazione sottile;

sumara 
La buona morte, morte naturale a conclusione di una lunga vita;

śūnya 
1. La vacuità, il vuoto, il nulla per la scuola buddhista śūnyavāda;
2. Lo zero matematico;

śūnyavāda 
Scuola buddhista che afferma che al di là dell’illusione c’è il vuoto, il nulla;

sūpādhika 
Dotato di upādhi (v.);

sūrya 
Il sole, il dio del sole;

sūryadvāra 
La porta solare attraverso la quale si esce dal cosmo;

śuṣ
Seccare, prosciugare; 

śuṣka tarka 
Logica secca, la logica sillogistica astratta, il ragionamento sofistico;

suṣumṇā 
Arteria sottile che percorre la spina dorsale fino alla sommità della testa;

suṣuptapuruṣa 
Il puruṣa del sonno profondo, il Sākṣin;

suṣupti 
Il sonno profondo;

suṣupti avasthā 
Lo stato di sonno profondo o Prājña;

svabhāva 
L’esistenza propria;

svadharma 
1. Il dovere castale;
2. Il dharma del singolo individuo;

Svāmī 
Mio Signore, titolo con cui ci si rivolge a un saṃnyāsin, a un Dio, a un Re; 

svapna 
Il sogno;

svāpna avasthā 
Lo stato di sogno;

svāpna prapañca 
Il mondo dello stato di sogno;

svāpna puruṣa 
La persona dello stato di sogno;

svāpna sthāna 
Lo stazionamento nel sogno, sinonimo di svāpna avasthā (v.);

svaprakāśa 
Autoluminoso; 

svāpramāṇa 
il Sé auto conoscente; 

svāpramāṇaka 
Il modo per conoscere se stesso;

svar 
Il cielo, la parte più alta del trimundio;

svarga 
Cielo, luogo di salvezza, luogo dove i salvati passano il resto della loro esistenza individuale in attesa di trasmigrare, bhoga loka (v.);

svarūpa 
La propria forma, la propria vera natura essenziale, reale natura al di là d’ogni apparenza;

svastha 
Autosufficiente;

svatantra 
Autonomia, indipendenza, non dipendenza;

svatantrin 
Autonomo, non dipendente;

svayaṃbhū 
Auto sussistente, che ha un’esistenza dipendente solo da se stesso;

svayamsiddha 
Auto esistente;

svayamvedyatva 
Ciò che si conosce immediatamente e a cui si è identici;

 

– T –

 

Tad 
Lett. “Quello”, il Brahman, in contrapposizione con l’idam (v.), questo, l’oggetto manifestato;

tādātmya 
Identità;

taijasa 
1. Il luminoso, così è chiamato l’Ātman nello stato si sogno, svāpna avasthā;
2. Il corpo sottile nella sua condizione di luce e calore vitale;
3. Lo stato di sogno;

tamas 
Guṇa della Prakṛti che indica una tendenza verso il basso, verso le tenebre, l’ignoranza e l’inerzia;

tāmasa (O tāmasika)
Ciò che appartiene o ha le caratteristiche di tamas (v.);

tāmasī nidrā 
Lett. sonno tenebroso; coma, svenimento, perdita anomala di coscienza;

tanmātra 
Nel Sāṃkhya sono i principi sottili dei cinque elementi grossi;

tantra 
1. Un tipo di scritture appartenenti al Tantrismo;
2. La scienza contenuta nei testi tantrici;
3. La meditazione sulla dottrina tantrica;
4. La meditazione rivolta verso l’esterno per ricavarne un beneficio;
5. Una formula di benedizione o maledizione;

tantrayoga 
Lo yoga che si basa sui testi tantra;

tāntrika 
Seguace del Tantrismo;

tapas 
Ardore, calore ascetico, ascesi;

tarka 
La logica;

tarka vicara 
Argomentazione logica;

Tarka Śāstra 
Il Nyāya (v.), la scienza della logica;

tārkika 
Logico, sofista, retore speculativo;

tatpara vākya 
Aforismi che indicano la meta finale;

tātparya 
Tendente alla meta;

tatparatā 
Sforzo per convogliare tutta la propria attenzione verso ciò che è indicato dall’intenzione (śraddhāv.);

tattva 
1. Oggetto manifestato provvisto di una relativa realtà, una cosa, una quiddità;
2. Un principio, una Entità;

tattva bodha vākya 
Aforismi che affermano la Realtà (v. mahāvākya );

tattvajñāna 
Conoscenza della Realtà;

Tad tvam asi (O Tattvamasi)
Il mahāvākya “Quello sei tu” (ChU VI. 8. 7);

tattva sākṣātkāra 
Testimonianza od osservazione delle cose, degli oggetti;

tattva vicāra 
La cerca della Verità, sinonimo di Ātmavicāra (v.); 

tava 
Tuo (vtvadīya);

tavya 
Suffisso che significa “che deve essere”;

tejas 
1. L’elemento fuoco;
2. Luce, fiamma;
3. Il calore vitale;
4. Il carro di fuoco che porta fuori l’anima dal corpo;

tīkā 
Subcommentario;

titikṣa 
Pazienza, equanimità;

tribhuvana 
Il trimundio, terra, atmosfera e cielo;

tridoṣa 
I tre umori, aria, bile e flemma;

trika 
Antica dottrina tantrica śākta, impropriamente detta Śivaismo del Kashmir;

trikāla 
Il triplice tempo, passato, presente e futuro;

tripuṭi 
Triadi, come conoscente-conscenza-conosciuto, fruitore-fruizione-fruito o agente-azione-agito, ecc.

tūlāvidyā 
Simile all’ignoranza, modificazione d’ignoranza parziale;

Turīya (O Caturtha)
Lett. “il Quarto” pāda di Ātman, l’Assoluto incondizionato al di là delle tre avasthā (v.);

tuṣṭi anugraha 
Influenza spirituale che apporta gioia e soddisfazione, generalmente elargita agli dèi; si tratta di un’asādhaka anugraha, priva di potenza realizzativa;

tva 
Tu;

tvadīya 
Le proprietà tue, sinonimo di idam (v.);

tvak 
Il senso del tatto;

 

– U –

 

uccheda 
Distruzione, rimozione;

udāna 
1. Il quarto dei cinque prāṇa vāyu;
2. Emissione tramite il fiato del calore vitale e degli elementi grossi e sottili di scarto che si restituiscono alla natura. Tramite questo soffio un guru può trasmettere l’anugraha (v.). Con l’udāna si esala anche l’ultimo respiro;

uddālaka 
Il miele supremo, l’amṛta;

uddyota 
Apparizione, rivelazione, visione prodigiosa;

udgītha 
L’alto canto, il cuore del Sāma Veda, il monosillabo Oṃ;

upādāna kāraṇa 
Causa materiale;

upadeśa 
1. L’insegnamento orale da parte del guru;
2. Rito di ricollegamento d’un iniziato a un altro paramparā;

Upadeśa Sāhasrī 
“Mille insegnamenti”, opera di Śaṃkarācārya;

upādhi 
Travestimento; attributo o falsa apparenza, sinonimo di adhyāsa (v.);

upādhyāya 
Maestro spirituale, termine più antico e scritturale per definire il guru (v.);

upaguru 
1. Rappresentante autorizzato da un guru a trasmettere l’iniziazione e sostenere il discepolo con consigli di dottrina e di metodo;
2. Qualsiasi essere mobile o immobile che sia caricato temporaneamente della potenza del guru e che è in grado di esser utile a un iniziato per raggiungere un dato sviluppo interiore;

upamāna 
Il pramāṇa dell’analogia basata sulla comparazione;

upanayana 
Rito obbligatorio compiuto in età prepuberale che aggrega il ragazzo alla casta dei suoi genitori. Ciò gli dà accesso ai riti e allo studio delle scritture propri della sua casta;

Upaniṣad 
Testi dottrinali del Veda di cui formano la parte gnostica, jñāna khaṇḍa;

uparati 
Cessazione dell’attenzione verso gli oggetti esterni, introspezione;

upāsaka 
Un meditante;

upaśama 
Cessazione, pacificazione, arresto;

upāsanā 
Meditazione, concentrazione della mente su un simbolo, vale a dire su un oggetto esterno, su un mantra o su un pensiero;

upāsanā vākya (O saguṇa vākya)
Aforismi meditativi;

upāsya 
Oggetto di meditazione;

upāya 
Tecniche iniziatiche che fanno parte del metodo;

utkrānti 
Repulsione;

utpatti 
1. Realizzazione, raggiungimento;
2. Produzione, fantasmagoria, manifestazione del mondo;

uttamādhikārin 
Iniziati dotati di qualifiche eccezionali;

uttara 
Sinistra, Nord;

Uttara Mīmāṃsā 
Il Vedānta;

uttarāyaṇa 
Il viaggio del sole verso nord, percorso per compiere il devayāna;

 

– V –

 

vāc 
1. La parola come facoltà d’azione;
2. La parola, il Verbo come volontà a manifestare;

vācika 
Verbale, orale;

vācika kriyā (O vācika karma)
Attività verbale;

vaidika vyavahāra 
Sinomino di śāstrīya vyavahāra (v.);

Vaikuṇṭha 
Il paradiso celeste di Viṣņu, sinonimo di Brahmaloka (v.);

vairāgya 
Rinuncia al mondo;

vairūpya 
Molteplicità di forme;

Vaiśeṣika 
Lett. “Differenziazione”, darśana cosmologico che studia principalmente la manifestazione grossolana;

Vaiśvānara 
Lett. “appartenente all’Uomo universale”;
1. L’Ātman allo stato di veglia;
2. Viraṭ (v.);

vaiśvānara vidyā 
Scienza vedica dei fuochi celesti, che conduce al devayāna;

vaiśvarūpya 
Molteplicità, multiformità;

vajra 
Il fulmine, il diamante, l’arma di Indra, l’asse del mondo;

vakratuṇḍa 
Dal volto curvo, Gaṇeśa;

vākya 
Detto, frase;

vākyajñāna 
Conoscenza per sentito dire, speculativa, teorica;

vākyārtha 
Il senso di una frase;

vallī 
Lett. liana; paragrafo di un testo;

vāmāni 
Merito, sinonimo di puṇya (v.);

vānajātī 
1. Caste della foresta, termine tradizionale per indicare i cosiddetti tribali;
2. Le scimmie dell’esercito di Rāma;

vānaprasthya 
Terzo stadio della vita dell’hindū di casta, quello di abitante della foresta;

vānaprastha 
1. Abitante della foresta;
2. Chi è entrato nel terzo stadio della vita dell’hindū di casta;

varṇa 
1. Colore;
2. Casta;

vāsanā 
Idea, pensiero;

vastu 
Cosa, entità, oggetto reale;

vastunirdeśana 
Contemplare la realtà;

vastutantra
Lett. “Che aderisce all’evidenza della realtà”, si dice della sādhanā della paravidyā; opposto a kratutantra (v.);

vastutattva 
Principio reale;

vāta 
L’aria del tridoṣa (v.);

vāyu 
1. L’elemento aria;
2. Talvolta usato per definire i cinque prāṇa;

Vāyu 
Il Dio del vento e dell’aria, principio di energia e mobilità;

Veda 
1. La conoscenza;
2. I testi di śruti, composti di SaṃhitāBrāhmaṇaĀraṇyaka Upaniṣad;

vedana 
1. Sensazione, sentimento;
2. Intuizione conoscitiva;

vedanānubhava 
Esperienza emotiva, intuizione mentale;

Vedānta 
Il fine e la conclusione del Veda, darśana che corrisponde alla metafisica; correnti che insegnano la metafisica pura nirguṇa, oppure la metafisica parziale saguṇa;

Vedānta vicāra 
La cerca della conoscenza del Brahman;

Vedānta vijñāna 
L’intuizione vedāntica a seguito della discriminazione;

vibhūti 
Eccellenza, sovrabbondanza;

vicāra 
Discussione, argomentazione; la cerca vedāntica;

videha mukti 
Liberazione dai vincoli del corpo;

vidhi 
Ingiunzione, ordine, imposizione;

vidvas 
Conoscitore, sapiente, saggio, depositario di vidyā (v.);

vidyā 
1. Scienza tradizionale;
2. Nel Vedānta è sinonimo di conoscenza, jñāna;

vighna 
Ostacolo;

vihita 
Qualcosa che è ordinata, imposta;

vijñāna 
1. Scienza tradizionale, sinonimo vidyā (v.);
2. Nel Vedānta è la discriminazione o viveka (v.);

vijñānatman 
Essenzialmente intellettuale;

vijñānamaya kośa 
Involucro di Ātman fatto di intelletto;

vijñānavādin 
Buddhisti seguaci della dottrina Yogacāra (v.);

vikalpa 
Immaginazione, fantasia, falsa nozione;

vikalpita 
Immaginato, immaginabile;

vikāra 
Un atto che rende differente, una modificazione;

vikāritvam 
Mutabilità, potere di cambiamento;

Vikṛti 
Prakṛti manifestata nelle sue produzioni;

vikṣepa 
Dispersione, la distrazione durante la pratica del metodo;

vilakṣaṇa 
Diverso, difforme;

vimarśa 
1. Pensiero, idea;
2. Vibrazione, stimolo;
3. Dubbio;

vīṇā 
Strumento a corde sacro a Sarasvatī;

vināśana 
Distruzione;

viniyoga 
Sezione, parte;

vipariṇāma 
Maturità;

viparīta 
Opposto, falso, irreale;

viparīta jñāna 
Falsa conoscenza;

viparyāsa 
Idea errata, concetto rovesciato;

viparyaya 
Inverso, contrario, rovesciato;

viparyaya anugraha 
Influenza spirituale di cui possono essere caricati alcuni oggetti o piante, la cui fruizione va però a favore dell’essere umano, mentre non dà risultati per loro stessi, (v. upaguru); si tratta, dunque, di un’asādhaka anugraha, priva di potenza realizzatrice per chi ne è caricato;

vipaścit 
Intellettuale, illuminato, ispirato;

viphala 
Futile, vano, privo di ridultati;

vipra 
Sacerdote;

vīra 
1. Uomo, eroe (lat. vir);
2. Nel linguaggio tantrico indica l’iniziato;

virāga (O virakti)
Il distacco, la rinuncia, sinonimo di vairāgya (v.);

Virāṭ 
Lett. “il Sovrano”, l’Ātman in quanto principio che manifesta e regge la modalità grossolana;

virodha 
Contraddizione, incompatibilità;

vīrya 
1. Virilità, eroismo;
2. In linguaggio tantrico indica lo stato dell’iniziato;

viṣaya 
L’oggetto;

viṣaya-viṣayī sambandha 
Relazione soggetto-oggetto;

viṣayin
Il soggetto;

viśeṣa 
1. Ciò che non è identico, che è distinto;
2. Particolare, individuale;

viśeṣaka guṇa 
1. Qualità sovrapposta a un oggetto che serve a distinguerlo da altro oggetto;
2. Sinonimo di adhyāsa (v.);

viśiṣṭa 
Distinzione;

viśiṣṭabhava 
Esistenza distinta, separata;

Viśiṣtādvaitavāda Vedānta 
Dottrina della “Non dualità con distinzione” fondata da Rāmānuja;

viśiṣtādvaitin 
Seguace di Rāmānuja;

viśvajit 
Conquista universale, rito di rinuncia totale ai propri beni;

Viśvānara 
Uomo universale, identificato a Hiraṇyagarbha;

viśvāsa
Fede, credenza;

viśvavirāṭ svarūpa 
Manifestazione della forma universale di Dio percepibile ai sensi;

vitarka 
Conoscenza teorica, speculativa e non realizzata;

vivarta 
Mutevole, modificazione;

viveka 
Discriminazione tra reale e irreale;

vivekin 
Colui che è impegnato nella discriminazione (vivekav.);

viyoga 
Fase di separazione;

vrata 
Voto, impegno rituale;

vṛddhi 
Crescita;

vṛtti 
Lett. “vortice”, coinvolgimento, modificazione della mente e dell’intelletto;

viṣaya 
L’oggetto;

viṣayin 
Il soggetto, soggettivo;

vyakta 
Una cosa o un oggetto manifestato, invisibile o inconcepibile;

Vyāsa (O Veda Vyāsa)
Mitico ṛṣi che svolge la funzione di adattatore dei testi sacri e del Dharma per opporsi al decadere dei tempi; si contano 28 Vyāsa;

vyaṣṭi 
L’aggregato individuale;

vyatireka 
Discordanza comparativa;

vyavahāra 
Lett. transazione; azione che mette in relazione due o più cose o persone. Dominio di ciò che è relativo, empirico, manifestato, illusorio;

vyāvahārika 
Aggettivazione di vyavahāra; empirico, relativo, manifestato, illusorio;

vyāvahārika jñāna 
Ogni conoscenza distintiva o duale;

vyavahṛ 
Relazionarsi, avere scambi, trattare;

 

– Y –

 

yajamāna 
Sacrificatore, cioè chi promuove il sacrificio, incarica e paga i sacerdoti ed è il principale fruitore dei risultati del rito;

yajña 
Sacrificio vedico; 

yama 
L’autocontrollo, primo “membro” dello Yoga darśana

yantra 
Lett. un legame, una corda;
1. Un simbolo geometrico concesso al discepolo dal guru dopo l’iniziazione, che va meditato secondo le sue ingiunzioni;
2. Un disegno geometrico fatto con cordicelle, in uso presso certe scuole di yoga;
3. Diagramma che rappresenta geometricamente vari gradi d’esistenza e stati dell’essere, su cui si deve meditare; 

yātanā śarīra 
Corpo di sofferenza, involucro sottile di un preta morto di recente; 

yathārtha bodhaka vākya 
Affermazioni che descrivono la Realtà così com’è  (v. tattva bodha vākya); 

Yoga 
1. Stato di unità non duale del Brahman-Ātman;
2. Metodo yogico;
3. Darśana simile al Sāṃkhya che insegna come un essere relativo, un uomo, possa diventare uno con il Signore Īśvara;
4. Una delle tante vie graduali brāhmaṇiche o tantriche;

Yogacāra (O Vijñānavāda)
Scuola buddhista che afferma che ogni cosa è esclusivamente una creazione mentale; 

yoga nidrā 
Sonno yogico; stato di sonno profondo in cui gli yogi entrano durante la veglia; 

yogi 
Senso primario, etimologico; 

yogin 
1. Chi ha raggiunto l’unione con Īśvara-Hraṇyagarbha;
2. Chi fa parte d’una organizzazione iniziatica di yoga;
3. Nel Vedānta significa jīvan mukta

yoni 
Sorgente, matrice, utero; 

yuga 
Ognuno dei quattro cicli minori che formano un caturyuga

Yuj 
Radice del verbo unire, unirsi;

yukti 
Connessione, argomentazione, ragionamento, causa, ragione, prova dialettica;