May 30, 2021

62. Deviations of Qabbalah

62. Deviations of Qabbalah

In 1666, the Amsterdam Stock Exchange was in a state of great turmoil: the Jewish brokers and speculators were beside themselves with enthusiasm, the bull and bear players forgot their financial transactions and indulged in ecstatic dances of jubilation: commercial correspondence from the Levant announced that the Messiah had appeared to the Jews of Izmir. The cautious shopkeepers in Amsterdam wrote again to their correspondents for more reliable news, to convince themselves that there was no mistake, that the one who had appeared in Izmir was really the Messiah awaited for thousands of years by all the people of Israel. The answer was: “Hu velo acher”, “It is he and not others”. The happy message spread with lightning speed across seas and countries, in every place where the Torah was venerated. In Paris, in Livorno, in Vienna, the same scenes were repeated everywhere: men abandoned their business, women left their children and their homes, and everyone danced in the intoxication of an unrestrained enthusiasm.

With these vivid and historically unexceptionable words, an author describes the incredible adventure of a false Messiah. Šabbetay Ṣewi (1626-1676), son of a wealthy poultry merchant from Izmir, had experienced psychic breaks in the form of uncontrolled visions from an early age. In an attempt to bring some order to these experiences, he devoted himself to the study of Qabbalah from his adolescence. The Qabbalah he followed was not the traditional initiatic one, almost disappeared at that time, but the mystical and apocalyptic one that drew its source from the teachings of Abulafia, a deviation from the ancient tradition. At the age of 15, he received his first mystical revelations, which convinced him that he was the earthly manifestation of the saturnine aspect of God. Šabbetay indeed is the Hebrew term for the inauspicious planet of destruction. And, in fact, his behaviour was always characterized by that melancholy so typical also inall Christian Qabbalists and Renaissance Hermeticists of the time.

At the age of twenty-two he proclaimed himself Messiah to his circle of admirers in Smyrna: his concept of the Messiah differed considerably from that of the previous false Messiahs. He claimed that there was an essential identity between him being a Messiah and God himself and that he had succeeded in pronouncing the tetragrammaton, the unpronounceable name of God, by rotating the letters of the Hebrew alphabet. Punished of herem (rabbinical excommunication), Ṣewi began a wandering life between Byzantium, Thessaloniki, Jerusalem and Cairo. Through his preaching he attracted a small number of followers, who, however, wealthy and influential, protected him from the orthodox rabbinical and Talmudic circles and the Ottoman administration. In 1663 he met Nathan of Gaza, who quickly became his prophet and right-hand man. In 1666, year in which according to some ‘prophecies’ the Messianic era would have begun, started the great success of this false Messiah.

The illusion that the Messiah would quickly redeem the Jews from their marginalised status in Islamic and Christian countries raised a sudden enthusiasm in all the territories of the Diaspora. He returned with full honours to his native Smyrna, overthrew the chief rabbi who was hostile to him and began to reign as a ruler. He married several women, but his main wife had to appear in Smyrna with great pomp. The prostitute Sarah from Livorno, had claimed since childhood that her destiny was to become wife of the Messiah. Financed by bankers and merchants from Amsterdam and Livorno, accompanied by a procession of learned rabbis and Talmudic sages, Sara presented herself to the divine bridegroom. After the sumptuous ‘Tōrāh’ wedding, Izmir, a marginal and miserable town in the Ottoman Empire, flourished again. From Europe, Egypt and the Maghreb, ships laden with precious goods disembarked their treasures in its port, while Dutch, English, Genoese and Catalan banks, exchange offices and financial agencies opened new branches there. According to the general belief, the misery of the Jewish people was about to be redeemed by the mere presence of the Messiah and his Prophet. The majority of rabbis, at the time, sided, or pretended to side, with Šabbetay, while only a small minority remained anchored to tradition. In particular, these latter looked with horror at the alterations of the rituals that were being adopted at the behest of the Messiah and Nathan of Gaza.

In the spring of that year, Šabbetay Ṣewi went to Istanbul in order to be recognised as the Messiah by the Ottoman Sultan and to be given the imperial crown. Reported by the Jewish community of the capital and immediately arrested, after two months of gilded imprisonment, the false Messiah asked to be admitted before Sultan Mehmet IV. There he publicly converted to Islam, taking the Islamic name of Aziz Mehmet Effendi as a new Muslim. All the Jewish communities in the diaspora were sorely disappointed. There were two types of reaction: on the one side the traditional rabbinical circles unreservedly condemned Šabbetay as an impostor and a fraud.

From that moment on, the rabbis definitely turned away from the ecstatic-mystical Qabbalah, and this hardening of opinion also struck what remained of the authentic medieval Qabbalistic esotericism. On the other side, the most fanatical followers of the false Messiah tried to find a symbolic explanation for this shocking gesture, giving it the most disturbing and mysterious meanings. Nathan of Gaza himself circulated the rumour that the function of Messiah was to involve in the redemptive action also the qelippot. This justification, which only apparently resembles a descent into hell, draws a disturbing picture of the entire mission of Šabbetay as actively linked to infernal powers. But those who are clouded by fanaticism have no critical ability and are incapable of seeing the facts as they are; blinded by exaltation these weak minds look for any way possible to find sublime symbolic meanings and examples to follow.

In fact, the followers of the false Messiah emulated the example of their Lord and God, hypocritically converting to Islam in order to continue the work of redemption under cover. All in all, they revived the experience of their ancestors the Marranos of Spain; actually, the Thessalonian and Smyrna communities were mainly composed of Sephardim, Jews of Spanish origin. Those false followers of Islam are called dönmeh in Turkish, literally ‘converts’, a word which in time has come to mean ‘apostates’. Even after the death of their Messiah, the dönmeh continued to try to convince their sympathisers to leave their ghettos. During the 17th and 18th centuries, also in Eastern Europe, this propaganda induced many to integrate into the Christian environment, whether they converted or not. Later, they enthusiastically assumed the anti-religious spirit that had spread during the Enlightenment. This underground current adapted to the general situation, fitting in the new agnostic civilisation, and often taking the lead, while covertly maintaining a formal link with their religion and, above all, with their ethnic origin. In contrast, the Orthodox Jews continued to profess their faith publicly, often incurring criticism, hostility and even denunciation by the crypto-followers of Šabbetay Ṣewi.

Jakub Lejbowicz (1726-1791) is better known as Jacob Franck. His father, who belonged to the first generation of Ṣewi followers, was accused of heresy by the rabbis of the Orthodox Jewish tradition and forced to take refuge in Ottoman Bucharest, where Jacob was born. He was wild and rebellious, and throughout his life Jacob harboured a deep resentment against the rabbis and regular Judaism because of how his father was treated. He did not follow a regular upbringing or abide by the rules of social coexistence, extolling his ignorance and unrestraint as a sign of divine election. In 1753 he arrived in Thessaloniki, the centre of the dönmeh from which his father had been expelled.

He immediately assumed the way of thinking and acting of the dönmeh and, feeling intimately related to Šabbetay Ṣewi, first he proclaimed himself to be his reincarnation and thento be the Messiah. Ṣewi had been the Messiah of tribulation, whereas he would be the Messiah of power, the Messiah-King. He revealed that the age of the law was definitely over and with his reign his followers were freed from any requirements except total obedience to the Messiah’s wishes. The community that gathered around him lived simulating him and indulged in all its appetites, especially, of course, in the sexual ones. Franck took libertinism, that had already appeared with Ṣewi, to its extreme limits. He was excommunicated and denounced by the followers of the rabbinical tradition, and after various events, he decided to emigrate with the crowd of his debauched followers to Poland. At that time, the Kingdom of Poland, worrying about the refractoriness of Jews to convert to Catholicism, promised those who got baptised the status of nobles and estates. Franck began negotiations with King Augustus III. Together with about thirty thousand of his disciples, he would embrace Catholicism. In addition to land and mass ennoblement, he demanded all properties to be gathered into a single fief, still vassal to the King of Poland, but where the only owners were to be Franckists. The King was flattered to make such a good impression before the papal throne; however, it remained the geopolitical problem of granting an entire region to people from the Ottoman Empire, with relatives and friends on the other side of the border. Understanding the Crown’s hesitation on this last topic, the Polish rabbis denounced Frankism as heretical before the Holy Office. The confrontation between the rabbis and the Franckists took place in Lemberg Cathedral under the arbitration of Canon Mikulski. With great shamelessness, the Franckist speakers took up religious positions clearly based on the Christian faith and thus easily got the better of the more educated and trained regular rabbis. Franck’s true thinking, however, was as follows:

Our Lord and King Sabbataï Zevi had convert to the faith of the Ismaelites [Muslims], but I, Jacob, more perfect, must convert to the faith of the Nazarenes because Jesus of Nazareth was the skin or peel of the fruit and that his coming was permitted only to open the way for the true Messiah. We must therefore accept this Nazarene religion pro forma, observe it meticulously so as to appear as good Christians as they are. However, we must not marry any of their whores or have fun with them or mix with other nations. Even if we profess Christianity and regularly follow their commandments, we must never forget in our hearts the three pillars of our faith, the Lords and King Sabbataï Zevi, Berakhya [his successor] and Jacob Frank, the most perfect of the three.

The rituals taught by Franck, which had replaced the traditional ones now abrogated, are described as follows:

“The religious rites of the Frankists consisted of ecstatic songs accompanied by wild applause, with female participation ending in an orgiastic ritual. The ritual usually began as follows: Frank knelt, staring at two lit candles on a wooden bench, drove a nail into the wood and, brandishing a cross in all directions, exclaimed ‘Forsa damus para verti, seibul grandi asserventi! “(in Ladino, the Spanish dialect of the Jews sephardim: “Give us the strength to see you, the privilege to serve you”). Then the lights were switched off and pandemonium ensued. Men and women would undress completely “to get at the naked truth” and copulate in the hodgepodge and only the leader would refrain in the midst of it all.”

After his baptism, and once become lord of a large fiefdom vassal to the King of Poland, Franck decided to organise his own army. It was so well organised that many of the Franckists served a few decades later as officers in Napoleon’s army.

Generously financed by Mayer Amschel, founder of the Rothschild Bank, Jacob Franck and his wives lived in the splendour of a royal court. But It was short-lived. His followers, now convinced that they were above the law, began to reveal the secret that he was, in fact, the Messiah. Franck was imprisoned and put on trial by the Inquisition. He tried, in vain, to promise the Czar that he and his people would collectively convert to the Orthodox Church, but all to no avail. In the meantime, while waiting for the papal verdict, the prisoner in the fortress of Czenstokhova lived a princely life: he had dropped the act and no longer performed Catholic rites. He lived cursing Poland and prophesying that it would be wiped off the map. And so it happened. Russia invaded Poland, which was divided among the other powers, and Franck found himself free again. He settled in Moravia, which hadbecome a province of the Austrian Empire. Jacob Franck had a cousin in Brünn, Salomon Dobruška, a wealthy tobacco merchant and financial speculator. His son Moses played a mysterious destabilising role during the French Revolution; but that pertains to another historical moment.

Gian Giuseppe Filippi

62. Le deviazioni della Qabbalah

62. Le deviazioni della Qabbalah

Nel 1666 la Borsa di Amsterdam è in grande agitazione: i sensali e gli speculatori ebrei sono fuori di sé dall’entusiasmo, i giocatori al rialzo e al ribasso dimenticano le loro operazioni finanziarie e si abbandonano a estatiche danze di giubilo: corrispondenze commerciali dal Levante annunciano che agli ebrei di Smirne è apparso il Messia. I cauti negozianti di Amsterdam scrivono ancora una volta ai loro corrispondenti per averne notizie più sicure, per convincersi che non vi sia errore, che colui ch’è apparso a Smirne sia veramente il Messia atteso da millenni da tutti il popolo d’Israele. La risposta suona: «Hu velo acher», «È lui e non altri». Il lieto messaggio si diffonde con la rapidità del lampo per mari e per paesi, in ogni luogo dove si venera la Torà. A Parigi, a Livorno, a Vienna, da per tutto si ripetono le medesime scene: gli uomini abbandonano gli affari, le donne lasciano i bimbi e la casa, e tutti danzano nell’ebbrezza d’un entusiasmo senza freni.

Con queste vivide e storicamente ineccepibili frasi, un autore inizia a descrivere l’incredibile avventura di un falso Messia. Šabbetay Ṣewi (1626-1676), figlio di un agiato mercante di pollame di Smirne, fin dall’infanzia sperimentò alcune aperture psichiche sotto forma di visioni non controllate. Per cercare di fare un po’ d’ordine in quelle esperienze, si dedicò fin dall’adolescenza allo studio della Qabbalah. La Qabbalah ch’egli seguiva non era quella tradizionale iniziatica, bensì quella misticheggiante e apocalittica che traeva la sua fonte dagli insegnamenti di Abulafia, deviazione dell’antica tradizione. Già quindicenne ricevette le prime rivelazioni mistiche che lo convinsero di essere la manifestazione terrena dell’aspetto saturnino di Dio. Šabbetay, infatti, è il termine ebraico per il pianeta infausto della distruzione. E, infatti, il suo comportamento fu sempre quello della melancolia da cui erano stati affetti tutti i qabbalisti cristiani ed ermetisti rinascimentali.

A ventidue anni si proclamò Messia alla sua cerchia di ammiratori di Smirne. Il suo concetto di Messia si differenziava notevolmente da quello dei falsi Messia che lo avevano preceduto: infatti egli affermava esserci una identità essenziale tra il suo essere tale e Dio stesso. Affermava che, tramite la rotazione delle lettere dell’alfabeto ebraico, era riuscito a pronunciare il tetragramma, il nome impronunciabile di Dio. Colpito da herem (scomunica rabbinica), Ṣewi cominciò una vita errabonda tra Bisanzio, Salonicco, Gerusalemme e il Cairo. Con la sua predicazione attirò un esiguo numero di seguaci, che però, abbienti e influenti, lo protessero dagli ambienti ortodossi rabbinici e qabbalistici, e dall’amministrazione ottomana. Nel 1663 il suo destino s’incontrò con quello di Nathan di Gaza, che divenne rapidamente il suo profeta e braccio destro. L’anno 1666 che, secondo alcune “profezie”, sarebbe stato l’inizio dell’era messianica, fu quando cominciò il grande successo del falso Messia. L’illusione che il Messia avrebbe rapidamente riscattato gli ebrei dallo stato di emarginazione in cui si trovavano nei paesi islamici e cristiani, sollevò un improvviso entusiasmo in tutti i territori della Diaspora. Rientrato con tutti gli onori della nativa Smirne, depose il rabbino capo a lui ostile e iniziò a regnarvi come un sovrano. Sposò diverse donne, ma la moglie principale doveva presentarsi a Smirne con grande pompa. La prostituta livornese Sara, fin da bambina, aveva proclamato il suo destino di diventare la moglie regnante del Messia. Finanziata da banchieri e mercanti di Amsterdam e di Livorno, accompagnata da un corteo di dotti rabbini e saggi qabbalisti, Sara si presentò al divino sposo. Dopo le fastose nozze “della Tōrāh”, Smirne, cittadina marginale e miserabile dell’Impero ottomano, cominciò a rifiorire. Navi dall’Europa, dall’Egitto e dal Maghreb, cariche di merci preziose sbarcavano i loro tesori nel suo porto, mentre banche, uffici di cambio e agenzie finanziarie olandesi, inglesi, genovesi e catalane vi aprivano nuove rappresentanze. Nella convinzione generale, la miseria del popolo ebraico stava per essere riscattata dalla sola presenza del Messia e del suo Profeta. La gran parte dei rabbini, allora, si schierò o finse di schierarsi dalla parte di Šabbetay, mentre solo una piccola minoranza rimase ancorato alle posizioni della loro tradizione. In particolare questi vedevano con orrore le alterazioni dei rituali che si stavano adottando per volontà del Messia e di Nathan di Gaza.

Nella primavera di quell’anno Šabbetay Ṣewi si recò a Istambul al fine di farsi riconoscere Messia dal Sultano ottomano e per farsi cedere la corona imperiale. Denunciato dalla comunità giudaica della capitale e immediatamente arrestato, dopo due mesi di prigione dorata, il falso Messia chiese di essere ammesso al cospetto del Sultano Mehmet IV. Lì pubblicamente si convertì all’islam, assumendo come neo musulmano il nome di Aziz Mehmet Effendi. Tutte le comunità ebraiche della diaspora subirono un cocente disinganno. Vi furono due tipi di reazioni: gli ambienti tradizionali rabbinici condannarono senza riserve Šabbetay come impostore e imbroglione. I rabbini, a partire da quel momento presero decisamente le distanze dalla Qabbalah estatico-mistica e di questo irrigidimento fu vittima anche quanto rimaneva dell’autentico esoterismo qabbalistico medievale che, ancor più emarginato, entrò in una sorta di letargia. Allo stesso tempo, i più fanatici seguaci del falso Messia, cercarono di trovare una spiegazione simbolica di quel gesto sconvolgente, attribuendogli significati misteriosofici profondamente inquietanti. Lo stesso Nathan di Gaza fece circolare la voce che la funzione di Messia doveva arrivare a coinvolgere nell’azione redentrice anche le qelippot. Questa giustificazione, che solo in apparenza somiglia a una discesa agli inferi, dipinge invece un quadro inquietante dell’intera missione di Šabbetay in collaborazione attiva con forze infernali. Ma la capacità critica di chi è onnubilato dal fascino del fanatismo è incapacitata a vedere i fatti come sono; in tutti i modi, nella sua esaltazione, trova significati simbolici sublimi ed esempi da imitare. Fu così che i seguaci del falso Messia seguirono l’esempio del loro Signore e Dio, convertendosi ipocritamente all’islam per continuare l’opera di redenzione sotto copertura. Tutto sommato fecero rivivere l’esperienza dei loro antenati marranos di Spagna; effettivamente le comunità di Tessalonica e di Smirne erano composte da sephardim, ebrei di origine spagnola. Quei falsi seguaci dell’islam sono chiamati in turco dönmeh, letteralmente ‘convertiti’, parola che con il tempo ha però assunto il senso di ‘apostati’. Anche dopo la morte del loro Messia, i dönmeh continuarono a premere sui loro simpatizzanti, inducendoli a uscire dai ghetti. Durante il XVII e XVIII secolo anche nell’Europa orientale tale propaganda indusse molti a integrarsi all’ambiente cristiano convertendosi o meno. In seguito, essi assunsero con entusiasmo lo spirito antireligioso diffusosi durante l’illuminismo; questa corrente sotterranea si adeguò alla situazione generale, integrandosi alla nuova civiltà agnostica, spesso prendendone la guida, mantenendo nascostamente un legame formale con la loro religione e, soprattutto, con l’etnia d’origine. Al contrario, gli ebrei ortodossi continuarono a professare pubblicamente la loro fede, incorrendo spesso nelle critiche, nell’ostilità e perfino nelle delazioni da parte dei cripto-seguaci di Šabbetay Ṣewi.

Jakub Lejbowicz (1726-1791), è più conosciuto come Jacob Franck. Suo padre, che apparteneva alla prima generazione dei seguaci di Ṣewi, era stato accusato di eresia dai rabbini della tradizione ebraica ortodossa e costretto a riparare nella Bucarest ottomana, ove nacque Jacob. Il fanciullo, di temperamento selvaggio e ribelle, covò per tutta la sua vita un profondo rancore contro i rabbini e il giudaismo regolare a causa del trattamento riservato a suo padre. Jacob non seguì una regolare educazione né si attenne mai alle regole della convivenza sociale, decantando la sua ignoranza e la sua sfrenatezza come segno di elezione divina. Nel 1753 raggiunse Salonicco, il centro dei dönmeh da cui era stato espulso suo padre.

Assunse subito il modo di pensare e di agire dei dönmeh e, sentendosi intimamente affine a Šabbetay Ṣewi, dapprima proclamò d’essere una sua reincarnazione, per poi dichiararsi a sua volta Messia. Ṣewi era stato il Messia della tribolazione, mentre egli sarebbe stato il Messia della potenza, il Messia-Re. Egli rivelò che l’epoca della legge era definitivamente conclusa e con il suo regno i suoi seguaci erano assolti da qualsiasi prescrizione, fatta eccezione per l’obbedienza totale ai voleri del Messia. La comunità che si raccolse attorno a lui viveva della sua luce riflessa e si abbandonava a ogni licenza, soprattutto, naturalmente, in ambito sessuale. Franck portò agli estremi limiti il libertinaggio che già era comparso con Ṣewi. Oggetto di scomuniche e di denunce da parte dei seguaci della tradizione rabbinica, dopo varie vicende, egli decise di emigrare con la folla sei suoi debosciati seguaci in Polonia. In quell’epoca il regno di Polonia, considerata la refrattarietà degli ebrei a convertirsi al cattolicesimo, prometteva a coloro che si fossero fatti battezzare lo status nobiliare e proprietà terriere. Franck intavolò un negoziato con il re Augusto III. Egli, assieme a circa trentamila suoi discepoli, avrebbe abbracciato il cattolicesimo. Oltre alle terre e alla nobilitazione di massa, egli chiedeva che le proprietà fossero tutte adunate in un unico feudo, sempre vassallo del Re di Polonia, ma in cui gli unici proprietari dovevano essere franckisti. Il Re fu lusingato di fare una così bella figura davanti al soglio pontificio; rimaneva il problema geopolitico di concedere un’intera regione a gente proveniente dall’Impero Ottomano, con parenti e amici al di là del confine. Comprendendo le perplessità della Corona su questo ultimo argomento, i rabbini polacchi denunciarono come eretico il franckismo davanti al Santo Uffizio. Il confronto tra rabbini e franchisti avvenne nella cattedrale di Lemberg sotto l’arbitrato del canonico Mikulski. Con grande spudoratezza gli oratori franckisti assunsero posizioni religiose chiaramente ricalcate sulla fede cristiana ed ebbero così facilmente la meglio sui pur più colti e preparati rabbini regolari. Il vero pensiero di Franck era invece come segue:

Nostro Signore e Re Sabbataï Zevi dovette passare alla fede degli Ismaeliti [musulmani], ma io, Jacob, più perfetto, devo passare alla fede dei nazareni perché Gesù di Nazareth era la pelle o scorza del frutto e che la sua venuto fu permessa solo per aprire la via al vero Messia. Noi dobbiamo dunque accettare pro forma questa religione nazarena, osservarla meticolosamente in modo da sembrare buoni cristiani quanto i buoni cristiani. Tuttavia non dobbiamo sposare nessuna delle loro puttane né divertirci con loro né mescolarci con le altre nazioni. Anche se professiamo il Cristianesimo e seguiamo regolarmente i loro comandamenti, non dobbiamo mai dimenticare nei nostri cuori i tre pilastri della nostra fede, i Signori e Re Sabbataï Zevi, Berakhya [il suo successore] e Jacob Frank, il più perfetto dei tre.

I riti insegnati da Franck, che avevano surrogato quelli tradizionali ormai abrogati, sono così descritti:

“I riti religiosi dei Frankisti consistevano in canzoni estatiche accompagnate da applausi selvaggi, con partecipazione femminile che terminavano in un rito orgiastico. Il rituale cominciava abitualmente così: Frank s’inginocchiava fissando due candele accese su una panca di legno, affondava nel legno un chiodo e brandendo una croce in tutte le direzioni esclamava «Forsa damus para verti, seibul grandi asserventi!»  (in ladino, il dialetto spagnolo degli ebrei sephardim: «Dacci la forza di vederti, il privilegio di servirti»). Poi le luci venivano spente e si scatenava il pandemonio. Uomini e donne si svestivano del tutto “per arrivare alla nuda verità” e copulavano nel guazzabuglio e solo il capo se ne asteneva in mezzo a tutto ciò.”

Dopo il battesimo, ormai controllore di un grande feudo vassallo del Re di Polonia, Franck decise di organizzare un suo esercito personale. Esso fu così ben organizzato che molti franchisti servirono qualche decennio più tardi, come ufficiali polacchi nell’esercito napoleonico. Generosamente finanziato da Mayer Amschel, fondatore della Banca Rothschild, Jacob Franck e le sue mogli vivevano nello sfarzo degno di una corte regale. Durò poco. I suoi seguaci, ormai convinti d’essere al di sopra della legge, cominciarono a rivelare il segreto che egli, in realtà, era il Messia. Franck fu imprigionato e sottoposto a un processo dell’Inquisizione. Cercò, invano, di promettere allo Czar la conversione collettiva sua e dei suoi alla chiesa ortodossia, ma tutto fu vano. In attesa del verdetto papale, intanto, il prigioniero della fortezza di Czenstokhova viveva principescamente: ormai aveva buttato la maschera e non accedeva più ai riti cattolici. Viveva maledicendo la Polonia e profetando la sua cancellazione dalla mappa. E così accadde. La Russia invase la Polonia che fu divisa tra le altre potenze e così Franck si trovò nuovamente libero. Si stabilì nella Moravia che ora era diventata una provincia dell’Impero Austriaco. Jacob Franck, infatti, aveva a Brünn un cugino acquisito, Salomon Dobruška, ricco mercante di tabacco e speculatore finanziario. Il figlio di costui, Moses, svolgerà una misteriosa funzione destabilizzante durante la Rivoluzione francese; ma qui inizia un’altra storia.

Gian Giuseppe Filippi